Vai ai contenuti
aggiunto ai preferiti
rimosso dai preferiti
Oops! C’è stato un problema, prova di nuovo
Il tuo account è in corso di creazione
Il tuo account è stato creato con successo e ora hai effettuato l'accesso.
Sei stato disconnesso
Filtra
Filtri selezionati
    Livello di difficoltà
    Durata
    Distanza in Km

    Esperienze da fare in Alto Adige

    Scopri tutte le esperienze in Alto Adige

    Risultati
    Ristoranti e trattorie
    Cantina Veritas
    Laives, Bolzano e dintorni
    Nella nostra enoteca nel cuore di Laives si incrociano tradizioni internazionali e nazionali. La nostra cantina è di stile rustico e offre una vasta selezione di vini e grappe accompagnati da piccoli stuzzichini tipici. Una particolarità del nostro locale è il vino conservato nelle taniche d’accaio. Questo e molti altri vini possono essere degustati. Alcuni vini aperti sono anche in vendita. Naturalmente abbiamo anche a disposizione una grande scelta tra vini e grappe. Merenda su prenotazione.
    Cantine
    Tenuta Biologica Zollweghof Lana
    Lana, Merano e dintorni
    Da 30 anni, ormai, Franz Josef Pfeilhofer si è votato alla produzione biologica e biodinamica. Nella cantina della tenuta Zollweghof di Lana produce vini di altissima qualità con uva ottenuta da vitigni resistenti alle malattie fungine (PIWI) e ne inventa di nuovi - uno che contiene anche melissa.

    L'azienda Zollweghof di Lana è a conduzione familiare e la sua cantina risale al XIV secolo. In questo contesto storico, il vignaiolo Franza Josef Pfeilhofer produce i suoi vini in vecchie botti di legno e in anfore di terracotta, ricorrendo a metodi "di vecchia scuola", che integrano la produzione biodinamica. "Le mie viti resistono agli attacchi dei funghi, non ho bisogno di distribuire prodotti per difenderle tranne, forse, lo zolfo per un paio di volte all'anno" - dice Pfeilhofer.

    Questa filosofia presuppone anche il lavoro manuale, che in questa azienda, del resto, non ha alternative: i filari di vite si trovano su pendii talmente erti da impedire qualunque possibilità di utilizzo di macchine.

    Come vignaiolo, Pfeilhofer si è riproposto di ottenere dai vitigni PIWI "vini top fantastici e moderni". Anche per questo è disposto a seguire vie non convenzionali. Il suo spumante rosé di color rosso brillante - Swing - pensato come aperitivo, può essere bevuto anche come digestivo - Melissa gold. "Abbiamo affinato questo vino con bergamotto, abbinando le conoscenze sul vino biologico con quelle sui prodotti naturali e sulle erbe officinali" - così Pfeilhofer - "e questo sapere è antichissimo". Ma anche estremamente moderno.
    Cantine
    Azienda Vinicola Radoarhof
    Velturno, Bressanone e dintorni
    A non meno di 850 m s.l.m. - e a fianco del Sentiero del Castagno nella Valle Isarco - si trova l'azienda Radoarhof di Velturno, una delle più "alte" dell'Alto Adige. La coltivazione di Edith e Norbert Blasbichler è, da oltre 25 anni, rigorosamente biodinamica: con tisane di erbe, secondo le fasi lunari e con lieviti rigorosamente naturali.

    È uguale che sia biodinamica o meno: il lavoro rimane lavoro. La potatura verde di viti di quasi 40 anni, che sia eseguita al Radoarhof o in qualunque altro posto, è da effettuare con grande attenzione e competenza. E però il lavoro nei 3 ettari di vigne distribuite fino a 900 m s.l.m. del Radoarhof si distingue da quello usuale e la differenza si sente tutta anche nel risultato finale. "L'impiego di preparati biodinamici, di diverse tisane di erbe, di semine fiorite e il rispetto per le fasi lunari forniscono un'uva particolare" - ne è convinto Norbert Blasbichler.

    Apportano il loro contributo anche i terreni scistosi e l'ininterrotta radiazione solare. La lavorazione in cantina, poi, è del tutto particolare. Per la fermentazione si utilizzano esclusivamente lieviti naturali e i vini - Müller Thurgau, Kerner, Zweigelt e Pinot nero - vengono affinati per 9 mesi, in parte in grandi botti di rovere.

    A proposito: nell'azienda tanto vicina al cielo si producono anche distillati. Biodinamici, si capisce.
    Ristoranti e trattorie
    Wastlhof
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Degustazioni, castagnate, festeggiamenti di ogni genere in un ristoro tipico. Saremo lieti di ospitarvi e di offrirvi vini selezionati e spuntini. Da non perdere sono le visite guidate attraverso i nostri vigneti. In estate piatti alla griglia e varie specialità regionali che potete godervi nel nostro giardino. Aperto da aprile a novembre dalle ore 17–23.30; giorno di riposo: lunedì e martedì; posti a sedere: int. 40, est. 40
    Ristoranti e trattorie
    Weinsalon Cafe Seeber
    Castelbello-Ciardes, Val Venosta
    Bar, caffetteria con terrazza dove vengono serviti bevande e snack: gelato, spuntini come toast, baguette e pizzette, croissant e dolci, varie birre in bottiglia, vini e cocktail.
    Ristoranti e trattorie
    Tenuta Peter Sölva
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Ambiente mediterraneo, il piacere dei nostri vini e distillati, specialità scelte di tutta Italia fanno di una Vostra visita un’esperienza unica. Visite in cantina e nella nostra distilleria, degustazioni e seminari … Parcheggio proprio, ristorante Spuntloch annesso. Apertura: da lunedi a giovedi dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 19, venerdi dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 20, sabato dalle ore 10 alle 20, festivi e domenica nei mesi settembre, ottobre e dicembre: dalle ore 10 alle 17
    Ristoranti e trattorie
    Tenuta Prälatenhof
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Azienda famigliare con tradizione. Le uve provengono dai nostri vigneti e vengono elaborate con tanta passione e professionalità. I nostri vini di qualità si possono degustare direttamente in cantina.
    Cantine
    Tenuta Eberlehof
    Bolzano, Bolzano e dintorni
    La prima citazione documentata dell'azienda Eberlehof - che si trova sopra Bolzano - risale al 1312, più di 700 anni fa, dal 1668 è di proprietà della stessa famiglia e da quella stessa data nello stemma di famiglia compare un coltello da innesto. In sé, nessuna meraviglia, in fondo l'azienda Eberlehof si trova nel comprensorio viticolo di Santa Maddalena, classicamente destinato alla coltivazione della vite.

    Atrettanto poco meraviglia il fatto che 700 anni di storia - come maso e come famiglia - abbiano lasciato tracce evidenti e che mantenere salde tradizione e famiglia diventi un obbligo. E questo diventa evidente se si considera che attualmente nell'azienda sono contemporaneamente coinvolte ben 3 generazioni di Zisser. I nonni Lisi e Horst contribuiscono con la loro esperienza, il figlio Tomas e sua moglie Margit seguono la coltivazione delle viti con i figli Christian e Lukas, curano la cantina e gli appartamenti per le vacanze ricavati nel maso.

    Il mantener salda la tradizione, inoltre, si riconferma anche in vigna, dove si coltivano a pergola vitigni locali, autoctoni (Schiava, Lagrein e Blatterle) ai quali si affianca anche il Merlot. "Già la forte pendenza delle nostre vigne impedisce il ricorso a macchine agricole e proprio per questo coltiviamo le nostre viti, in parte molto vecchie, rigorosamente a mano" - racconta Tomas Zisser. Dato che l'invecchiamento dei vini avviene in botti di legno di rovere, i vini rossi dell'Eberlehof sono pieni, corposi ed espressione della propria origine. Proprio come vuole la tradizione.
    Ristoranti e trattorie
    Wiedenplatzer Keller
    Naturno, Merano e dintorni
    Ristoro lungo il sentiero del Monte Sole. Le prelibatezze tradizionali altoatesine di alto livello rendono la cucina del Wiedenplatzerkeller famosa ben oltre i confini della regione.
    Cantine
    Tenuta Kiemberger
    Terlano, Strada del Vino
    Nel variopinto mosaico della viticoltura altoatesina si trovano tessere più grandi e più piccole. La tenuta Kiemberger di Terlano, con una produzione di quasi 8.000 bottiglie all'anno, è una delle più piccole. Tuttavia se non esistesse mancherebbe qualcosa.

    La tenuta Kiemberger si trova a Terlano, nella Val d'Adige, e i suoi vigneti sono distribuiti tra Terlano e un Comune confinante, Andriano. Su una superficie totale di 1,5 ettari si coltivano Chardonnay, Müller Thurgau, Riesling e Sauvignon, che costituiscono la base per il classico Terlaner. "I primi tre vitigni crescono su un terreno calcareo sabbioso-limoso ad Andriano, mentre il Sauvignon trova condizioni migliori a Terlano, su un terreno sabbioso e porfidico" - racconta Norbert Kofler, viticoltore presso la tenuta Kiemberger.

    Dal 2007 Kofler vinifica e vende i suoi vini in proprio. "I nostri vini devono prima di tutto essere conformi alle caratteristiche che noi vogliamo trovare nel vino" - dice Kofler. Per questo, i grappoli vengono vendemmiati nella seconda metà di settembre, il mosto viene delicatamente pressato e lasciato fermentare a 19 °C in contenitore di acciaio. "I nostri vini vengono affinati sulle fecce nobili prevalentemente in botti di rovere piccola o media per almeno 8 mesi - per il Terlaner classico - o fino a 32 mesi - per il Lagrein Riserva" - così il viticoltore.

    I vini che si ottengono "originali e di gran carattere" - dice Kofler - esprimono le caratteristiche dell'annata e del terreno.  "Il nostro vino è tutt'altro che una bevanda mainstream" - chiarisce Kofler parlando della piccola ma raffinata tenuta Kiemberger. E aggiunge "ma anche classica".  
    Cantine
    Azienda agricola Kreithof
    Appiano sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    La tenuta Kreit è un'azienda vitivinicola con una lunga tradizione alle spalle, le cui radici affondano nel Medioevo.
    Al tempo, su una superficie a maggese disposta su una collina sopra San Michele-Appiano, c'era un maso il cui nome, storpiato spesso dagli influssi dialettali, si è trasformato in "Kreit". Anche l'aspetto è diverso da quello di allora. Nel XVIII secolo il maso è diventato una bellissima tenuta, abitata e coltivata dal 1813 dalla famiglia Raifer.

    Del tutto indipendenti dall'aspetto esterno del maso sono i suoi pilastri economici, tra i quali - da lungo tempo - c'è anche la viticoltura. Oggi Johann Raifer coltiva un vigneto di 7 ettari. "La maggior parte del vigneto si trova a poco più di 400 m s.l.m. e cresce su terreni morenici sabbioso-limosi tutt'intorno al nostro maso" - racconta Raifer. Solo una piccola vigna, anch'essa appartenente all'azienda Kreit di San Michele-Appiano, si trova nelle vicinanze del Lago di Caldaro.

    Si coltiva uno spettro varietale che comprende il Pinot bianco, il Sauvignon, il Moscato giallo, il Gewürztraminer, la Schiava, il Pinot nero e il Lagrein.
    Osterie contadine
    Osteria contadina Wasserer
    Fiè allo Sciliar, Regione dolomitica Alpe di Siusi
    Il maso “Wassererhof” è sito ai piedi dello Sciliar e, come lascia intendere il nome tedesco, nelle vicinanze di una sorgente. La prima indicazione del maso negli archivi storici risale al 1366. Nel 1996 il signor Franz Mock, padre degli odierni gestori Christoph e Andreas Mock, ha acquistato il maso. Oggi il “Wassererhof“ è una tenuta vinicola e und trattoria agricola e, dopo la costruzione della nuova cantina, un insieme architettonico sostenibile di grande valore. Il “Wassererhof” è un’azienda a gestione familiare. L’aiuto solidale e reciproco è ovvio e garanzia del successo. Andreas è il cuoco della trattoria. I piatti della cucina locale tradizionale sono freschi, fatti in casa e raffinati. Il fratello Christoph invece è l’agricoltore e capo cantiniere del Wassererhof. Le esperienze e le cognizioni acquisite da generazioni, la nostra passione per il vigneto trova continuazione nella cantina, con l’obiettivo di fare vini amabili di qualità.
    Cantine
    Cantina Milla
    Cortaccia sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Presso l'azienda Milla di Cortaccia si producono due vini. Non di più. Entrambi sono cuvée, entrambi contengono uve degli stessi vitigni, entrambi fermentano in tini di legno aperti ed entrambi possono maturare a lungo. Il vignaiolo Gert Pomella si concentra quindi su un piccolo assortimento, piccolo ma raffinato.

    La coltivazione delle viti dell'azienda Milla di Cortaccia avviene su appena 4 ettari. La superficie è suddivisa in 7 diverse vigne, tutte abbarbicate su erti pendii con pesanti terreni argillosi. Le condizioni sono estremamente favorevoli a Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot, i vitigni coltivati da Gert Pomella. Da questi vini, assemblati in proporzioni diverse, hanno origine i due vini di Pomella: "Centa" e "Milla".

    Nella lavorazione delle uve, Pomella segue una sua propria strada. La fermentazione avviene in tini aperti di legno e di acciaio, dove il cappello di vinacce viene sommerso più volte al giorno - a mano. "Utilizzo il vino di prima torchiatura per prolungare la maturazione fisiologica dei vini" - racconta il vignaiolo-enologo. I due vini vengono affinati in barrique francesi per 24 mesi. "Il mio vino "Centa" rimane in barrique già usate, mentre per il "Milla" ricorro per lo più a barrique nuove" - spiega Pomella, i cui vini invecchiano ancora per almeno un anno in bottiglia.

    Tanto tempo, tanto impegno, tanto lavoro per due vini. Ma si sente tutto.
    Ristoranti e trattorie
    Weintal
    Naturno, Merano e dintorni
    Il ristoro Weintal si trova in mezzo dei campi di mele a Naturno ed è raggiungibile con la macchina attraverso la "via Stein". A piedi potete raggiungerci in modo tranquillo sul sentiero panoramico.
    Cantine
    Tenuta Morandell
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Da uovo a larva a pupa a farfalla. Come dire: da tralcio a fiore a grappolo a vino. Armin Morandell, della tenuta omonima di Caldaro, ha intuito le similitudini tra questi due fantastici processi di trasformazione che avvengono in natura. E allora non deve sorprendere il fatto che i nomi di tutti i vini di Morandell richiamino le farfalle.

    La tenuta Morandell si trova sopra il Lago di Caldaro e i suoi vigneti si estendono in diverse zone e ad altitudini comprese tra 200 e 500 m. Pur essendo tutti molto soleggiati, hanno un microclima diverso e le viti crescono su terreni che variano da ghiaioso calcareo ad argilloso rosso. "Questa varietà ci permette di coltivare vitigni specifici nelle zone più vocate e di ottenere di conseguenza vini di carattere" - commenta Armin Morandell.

    Il giovane vignaiolo si concentra sul Pinot grigio, sulla Schiava, sul Merlot e sul Cabernet Sauvignon, "un pugno di vitigni" - come lui stesso ammette - "che noi produciamo seguendo tutte le regole dell'arte". E che vengono venduti. E così le farfalle sono diventate il loro marchio - i nomi dei vini ricordano quelli di diverse specie di farfalle e le loro etichette si confondono con le loro ali. "Vini e farfalle: entrambi sono il fantastico risultato di un processo di trasformazione che si è concluso" - racconta Morandell per spiegare il suo pensiero.

    E poiché la farfalla è una creatura sensibile è adatta anche alla filosofia della tenuta Morandell:"Lavoriamo con un approccio olistico, ci dedichiamo con passione alla cura delle nostre viti e puntiamo ad una coltivazione sostenibile". 
    Ristoranti e trattorie
    Weißes Rössl
    Naturno, Merano e dintorni
    Il ristorante Weisses Rössl a Naturno, in Val Venosta, è un piccolo edificio storico nel centro di Naturno. La storia di questa casa risale a diversi secoli fa: nel 1690 questo storico locale era conosciuto con il nome di "Schupferwirt". Successivamente, nel 1891, fu ribattezzato “Weisses Rössl” così come lo conosciamo ancora oggi. Di recente la locanda, attraverso una sapiente combinazione fra modernità e tradizione, è stata completamente restaurata ed è il regno dell'ospitalità. L'atmosfera informale del ristorante è un invito a braccia aperte alla convivialità. E, primo fra tutti, il nostro chef Fabian sarà lieto di deliziarvi con le sue specialità gastronomiche altoatesine. Le portate sono realizzate con estrema cura e comprendono diverse specialità stagionali, tutte composte da prodotti locali, freschi e di qualità. Una vera delizia per tutti i palati! Vi aspettiamo con gioia per coccolare il vostro appetito! Christina e Fabian
    Cantine
    Tenuta WeineWolf
    Appiano sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    WeineWolf nasce dalla passione per la natura . “Faccio il vino con quello che mi offre madre natura”, è con questo pensiero che Wolfgang Ladurner ha deciso di iniziare a produrre il proprio vino. Un sogno coltivato negli anni, un progetto cresciuto nel tempo con l’obiettivo di arrivare ad avere la propria azienda vinicola. Fin da piccolo trascorreva le sue giornate in vigneto, dove ha imparato ad ascoltare e conoscere le viti. Nel 1990, Wolfgang Ladurner fonda la W.Ladurner Srl azienda che si occupa di importare e distribuire macchinari per il riciclaggio, sempre con il sogno di occuparsi un giorno di vino. Un sogno che non tarda a realizzare: nel 2002 acquista il primo ettaro di terreno agricolo che inizia a coltivare nel 2004. Ha fin da subito le idee chiare sui suoi vigneti: li vuole terrazzati, con coltivazioni ad alta densità, posizionati a diverse altezze per ottenere il meglio dal territorio e dalla natura.

    Anno dopo anno osserva l’area di Caldaro e decide di comprare nuovi appezzamenti che possiedano il tipo di suolo, il clima, l’esposizione e l’altitudine adatte per coltivare le diverse varietà. Il progetto si concretizza nel 2013 con la nascita di WeineWolf e dei suoi vini Grand Cru, frutto dell’amore e della passione per la natura, coltivati fin da bambino.

    Ma non finisce qui: il sogno continua con la costruzione della cantina, un progetto che unisce la famiglia Ladurner a tutti amanti del mondo del vino che scelgono WeineWolf.
    Ristoranti e trattorie
    Weineggele
    Silandro, Val Venosta
    Enoteca "Weineggele" - wine and more Degustazioni dei vini - serate speciali - prodotti tipici - piatti di formaggi misti.
    Cantine
    Azienda Vinicola T. Pichler
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Thomas Pichler conosce il vino in tutte le sue sfaccettature e certo più approfonditamente di tanti altri. E questo non solo perché è nato in una famiglia di viticoltori di Caldaro e quindi è cresciuto a contatto diretto con il mondo viticolo, ma anche perchè lavora da quasi 30 anni presso diversi laboratori enologici. Dato che però ovviamente non gli è stato sufficiente conoscere il vino in condizioni di laboratorio, lo produce anche in proprio - alla tenuta Thomas Pichler di Caldaro.

    Con un simile percorso, la domanda sorge spontanea:"Quanto del know-how di laboratorio viene applicato anche nella pratica?" - e la risposta di Thomas Pichler è sorprendente:"Quando si tratta di produrre vino non tengo in conto la teoria" - dice - "e per tutte le decisioni mi fido piuttosto delle mie sensazioni, dell'odorato e dell'olfatto, oltre che del gusto". Non si tratta quindi di utilizzare tutti gli strumenti a disposizone per produrre "vini di moda", ma di dare vita a vini caratteristici, legati al territorio e al vignaiolo e che esprimano l'essenza del vitigno. Di conseguenza, la scelta varietale è fondamentale, anche se il cuore del vignaiolo batte soprattutto per i vitigni autoctoni e per i vini classici.

    Oltre la metà della produzione è costituita da Kalterersee e da Lagrein, ai quali si aggiungono anche Chardonnay e Sauvignon. E anche per la vendita Thomas Pichler segue vie non convenzionali: i suoi vini vengono venduti nella rivendita della tenuta, tramite vinoteche selezionate o ai gestori del comparto gastronomia.
    Cantine
    Finkhof Merano
    Merano, Merano e dintorni

    Nel quartiere meranese di Maia Bassa c’è una statua di Blasius Trogmann e anche una via che porta il suo nome. Non è certo una coincidenza, visto che Trogmann è considerato uno dei più importanti compagni d’armi di Andreas Hofer durante l’insorgenza tirolese del 1809. Oltre a quella per la sua terra natale, il meranese nutriva anche un’altra passione: quella per la viticoltura e la vinificazione.

    Trogmann ha coltivato questa passione presso il suo maso avito, il Finkhof di Hagen, sito in una delle zone più assolate della città di cura di Merano, tra la città vera e propria e i Giardini di Castel Trauttmansdorff. “[…] ad Hagenach, sui quieti e solitari terreni, la vite, sotto il sole di mezzogiorno, stilla un succo delizioso […]”, si legge in un testo dell’epoca.

    La predisposizione di Hagen per la viticoltura è stata riconosciuta molto presto: il Finkhof viene citato per la prima volta in un documento del 1213. Tra la fine del XVIII secolo e l’inizio del XIX, a lavorare il terreno è il già nominato Blasius Trogmann che consegna il suo vino fino alla capitale dell’impero. Ancora oggi, più di duecento anni dopo, il maso appartiene alla famiglia Trogmann Innerhofer. E ancora oggi vi si respira la stessa passione per il vino, venduto anche nella propria bottega contadina a Merano. I quattro membri della famiglia lavorano tutti in azienda e sono in grado di vivere di viticoltura.

    Al Finkhof si produce una Schiava leggera e fruttata, un corposo Merlot e un Lagrein di grande complessità. Inoltre, i grappoli di Schiava vengono trasformati in spumante secondo il metodo classico, venduto poi con la denominazione di “Hagenach”, la zona dove cresce e matura. E, non da ultimo, vi si produce una elegante cuvée bianca, il cui nome ricorda il profondo legame del Finkhof di Merano con l’eredità della famiglia e del maso: si chiama Blasius. 

     
    Cantine
    Azienda Agricola Niedrist Ignaz
    Appiano sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Da oltre 30 anni, Ignaz eed Elisabeth coltivano la "loro" azienda a Cornaiano, nel cuore del comprensorio viticolo altoatesino, dove regnano le condizioni migliori per produrre vini di qualità. I vigneti sono distribuiti in tre zone: a Cornaiano, ad Appiano Monte e a Gries.

    Anche se da un punto di vista geografico sono aree relativamente contigue, le loro caratteristiche sono assolutamente differenti. Tra l'altro, sono proprio questo contrasto e questa varietà a conferire ai vini espressività e coinvolgimento. "Ciò che teniamo in massimo conto sono i terreni e le peculiarità delle singole zone, cerchiamo di creare una sintonia tra terreno, pianta e attività manuale del viticoltore" - dice Ignaz Niedrist - "Tutti i lavori vengono svolti con grande devozione, con consapevolezza nei confronti della natura e nel rispetto della sostenibilità".

    Ignaz Niedrist, sua moglie Elisabeth e i loro figli Maria, Franz e Johannes si tengono aggiornati e applicano la loro preparazione e il loro sapere nel modo più coscienzioso possibile. Si affidano tanto all'intuizione e alla grande esperienza in vigna. La lavorazione del terreno è il più possibile delicata. Nella cantina ristrutturata della tenuta Niedrist di Cornaiano si ottengono vini vitali, armonici, con carattere.

    L'assortimento dei vini rossi comprende Pinot nero, Lagrein, Merlot e Kalterersee, mentre i vini bianchi offerti dalla cantina della tenuta Niedrist sono Pinot bianco, Sauvignon, Chardonnay e Riesling.
    Cantine
    Weingut in der Eben
    Bolzano, Bolzano e dintorni
    La tenuta In den Eben di Cardano è stata una delle prime ad essere coltivata secondo i canoni della produzione biologica. La strada del pioniere, Johann Plattner, viene oggi non solo seguita da suo figlio Urban, ma anche incentivata e rafforzata con la coltivazione biodinamica per ottenere vini vivi".

    La tenuta è proprietà della famiglia Plattner dal 1982 e dal 1996 l'uva che si vendemmia da tre ettari viene vinificata in proprio. Questa evoluzione si deve a Johannes Plattner, che dal 2011 è stato sostituito dal figlio Urban. Al tempo, il nuovo gestore decise di passare alla biodinamica: con la semina di essenze e di piante aromatiche tra i filari promuove la biodiversità e richiama numerosi insetti utili la cui presenza, abbinata a un'attenta cura delle viti e a una vendemmia selettiva, favorisce la buona salute dei grappoli.

    Urban Plattner non responsabile soltanto dell'evoluzione della coltivazione, ma anche del completo cambiamento dello stile dei vini. Dalle uve di Schiava, Pinot nero, Malvasia, Merlot, Lagrein e Sauvignon blanc si ottengono vini assolutamente particolari - "vini vivi", come dice Plattner. "La fermentazione è spontanea e l'affinamento è molto prolungato perché i vini diventano profondi solo con il tempo, con tanta pazienza, senza zolfo e lavorando con grande sensibilità".

    L'esperienza si conclude poi con la vendita di vini assolutamente non filtrati - come vini vivi, appunto.
    Ristoranti e trattorie
    Weingut Lentsch
    Appiano sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Klaus Lentsch, rampollo di una vecchia famiglia di viticoltori altoatesini, ha deciso di intraprendere una nuova strada nel 2008 e da allora produce vini tipici della regione. Bachgart, Fuchslahn e Eichberg sono i vigneti storici che può definire suoi. Scoprite la varietà di sapori dei vini cru della Valle Isarco, i vini bianchi freschi dell'Überetsch e i rossi forti dei pendii di porfido della pianura. Grazie alla più moderna tecnologia di cantina, la lavorazione meccanica può essere eseguita nel modo più delicato possibile. La pressatura soffice dell'uva e il successivo processo di fermentazione soffice trasformano l'uva del mosto in vino giovane. Con musa e soprattutto tempo durante la maturazione in cantina, i vini armoniosi di Klaus Lentsch nascono in botti di acciaio e legno.
    Cantine
    Azienda Agricola Biedermannhof
    Cermes, Merano e dintorni
    Forse il vino non sarà la bevanda degli dei, ma certamente lo è della Chiesa. E questo appare chiaro anche dalla storia dell'azienda Biedermannhof di Cermes, proprietà per centinaia di secoli di diversi conventi, ai quali ha sempre fornito il vino per la celebrazione della Messa. Dalla sua cantina provengono oggi fruttati vini bianchi e vini rossi corposi.

    Da oltre 200 anni, l'azienda Biedermannhof di Cermes appartiene alla famiglia Innerhofer. Oggi Hannes Innerhofer gestisce l'azienda vitivinicola, che ha profonde radici. Compare citata per la prima volta in alcuni documenti del XIV secolo come proprietà del convento di clarisse di Merano. Si susseguono poi diversi proprietari, sempre riferibili a conventi, ai quali le viti dell'azienda Biedermannhofer forniscono vino da tavola e per la Messa. Oggi non è più così: l'azienda Biedermannhofer è diventata privata. Un'azienda nella quale si pone la massima attenzione al mantenimento, in vigna, dell'equilibrio biologico naturale. "L'inerbimento tra i filari regola il bilancio dell'aria e dell'acqua nel terreno, stimola la formazione dell'humus, protegge dall'erosione e rappresenta uno spazio vitale molto importante per gli organismi utili" - racconta Hannes Innerhofer.

    Questo modo di coltivare, come anche i terreni sedimentari, l'esposizione a sud-est dei filari e la relativa altitudine (350 m s.l.m.), lasciano il segno nei vini dell'azienda Biedermannhofer: nei vini bianchi fruttati e minerali e nei vini rossi profondi e corposi. Che sia merito del sostegno secolare prestato ai rappresentanti della Chiesa? Chi lo sa!
    Cantine
    Tenuta Pföstl
    Scena, Merano e dintorni
    Due amici, tre vigneti, un progetto: con la tenuta Pföstl, a Scena, Stefan Pföstl e Georg Weger hanno realizzato il loro sogno di bambini. Weger si occupa delle vigne e della cantina, Pföstl della vendita, anche nel resort che lui stesso dirige a Scena.

    Oltre al fatto che la tenuta si fonda su una profonda amicizia tra i due, sono soprattutto le tre vigne a caratterizzarla. I vigneti sono distribuiti tra Merano, Scena e Pochi di Salorno, tutte zone soleggiate e calde.

    Il clima è diverso, i terreni sono diversi, l'esposizione è diversa, e ciò significa che vi si coltivano vitigni diversi. "Il detto che l'intero sia più della somma delle parti vale anche per il vino, che deriva dall'interazione tra terreno, vitigno, clima e attività del viticoltore" - dice Stefan Pföstl.

    Gran parte di questo lavoro si svolge in vigna e in cantina "con passione e sincerità", sottolineano i due amici. Grazie alla variabilità delle zone interessate si ottiene un assortimento ampio che comprende Merlot, Cabernet, Sauvignon Blanc, Pinot grigio, Chardonnay, Gewürztraminer, Pinot bianco e nero e il vino di uva curativa di Merano (Schiava grossa). Inoltre, la gamma della cantina comprende due spumanti prodotti secondo il metodo classico: Un Blanc de Blancs e uno spumante Rosé.
    Cantine
    Az. Vitivinicola Obermoser
    Bolzano, Bolzano e dintorni
    Innovazione sì, trucchetti no: se si tratta dell'evoluzione di vini regionali tipici, all'azienda vitivinicola Obermoser a Bolzano-Santa Maddalena c'è un'unica possibilità: seguire la linea che Thomas Rottensteiner ha segnato già oltre un secolo fa. Dal 1890 l'azienda è di proprietà della famiglia Rottensteiner, che è nota - sin da allora - per non seguire volentieri le orme di altri. Già nel 1929 Franz J.C. Rottensteiner lanciò l'idea di un impianto di irrigazione che avrebbe dovuto servire non solo i suoi vigneti, ma anche quelli dei suoi vicini.

    L'idea convinse e Franz Rottensteiner divenne così il padre del primo grande impianto di irrigazione attivo in tutta Europa. Thomas Rottensteiner - quinta generazione - è aperto alle novità - ce l'ha nel sangue. "Da generazioni, ormai, siamo concentrati nella cura, nell'evoluzione e nell'intensificazione dei vini regionali tipici - senza trucchi, ma ricorrendo all'innovazione" - dice.

    Tutto ciò che è nuovo è al servizio della qualità e dell'individualità dei vini. E quindi anche dell'uva. Le viti dell'azienda crescono in due vigne distanti tra loro. La più grande si trova nel classico territorio di Santa Maddalena, a Bolzano; l'altra è situata al centro della zona di coltivazione del Kalterersee. La produzione complessiva di uva si utiizza per imbottigliare quasi 34.000 bottiglie di vino all'anno: dal classico Santa Maddalena, al Lagrein e al Cabernet fino al Sauvignon Blanc.
    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499