Vai ai contenuti
aggiunto ai preferiti
rimosso dai preferiti
Oops! C’è stato un problema, prova di nuovo
Il tuo account è in corso di creazione
Il tuo account è stato creato con successo e ora hai effettuato l'accesso.
Sei stato disconnesso
Filtra
Filtri selezionati
    Livello di difficoltà
    Durata
    Distanza in Km

    Esperienze da fare in Alto Adige

    Scopri tutte le esperienze in Alto Adige

    Risultati
    Arte e cultura
    Lanserhaus
    Appiano sulla Strada del Vino, Strada del Vino

    La riconversione in moderno centro culturale di un’antica residenza nobiliare a vocazione agricola in prossimità del centro del paese ha richiesto una particolare sensibilità e un atteggiamento rispettoso nei confronti della sostanza storica. L’unica aggiunta contemporanea, ben visibile anche da fuori, è un padiglione d’ingresso con foyer che, grazie alla struttura trasparente in acciaio e vetro, si inserisce con eleganza tra i massicci corpi di fabbrica esistenti. Questo elemento di collegamento tra i vari edifici della proprietà ha permesso di ricavare una corte piacevole e raccolta che può essere utilizzata anche per eventi all’aperto. All’interno i dettagli moderni sono accostati alla materia storica con grande delicatezza. Il colore bianco che fa da sfondo quasi ovunque, insieme alle tonalità naturali del legno, della pietra grezza e dell’acciaio inox, rappresenta la cornice ideale per manifestazioni di vario genere.

    Arte e cultura
    Cantina Cornaiano
    Appiano sulla Strada del Vino, Strada del Vino

    L’azienda vinicola, di antica tradizione, ha subito nel corso del tempo varie integrazioni e nel 2011 ha dovuto essere riorganizzata e ampliata soprattutto nella zona della cantina. Sono state aggiunte una nuova sala per la fermentazione e una sala per la pressatura dell’uva, entrambe ospitate in una struttura interrata in cemento armato sovrastata da una pensilina di forma ondulata a protezione della zona di carico e scarico. In cemento armato è anche il nuovo deposito, la cui parete ovest prospiciente il frutteto è rivestita di gabbioni di filo metallico riempiti con le pietre provenienti dallo scavo. I gabbioni sono utilizzati anche come segno di delimitazione della proprietà e, in quanto elemento caratterizzante dell’ampliamento, rappresentano un chiaro riferimento al terroir dei vini. Tra l’edificio esistente e le parti aggiunte è stata ricavata una bella corte di ingresso, piantumata con alberi e dotata di una fontana-scultura che è diventata il nuovo baricentro del complesso.

    Sport e tempo libero
    Ghiacciaio della Val Senales
    Senales, Merano e dintorni

    Sciare sul ghiacciaio della Val Senales
    Facilmente raggiungibile con la funivia, il ghiacciaio a 3212 m s.l.m. è il punto di partenza ideale per percorsi variegati (42 km di piste), a tutti i livelli. Dalle piste larghe per carving fino alla discesa a valle (8 km) per sciatori atletici, il comprensorio sciistico offre anche una pista per sci di fondo e una pista naturale per slittini attraverso il bosco innevato. Numerosi rifugi e terrazze offrono un posto al sole per godere la cucina tipica sudtirolese. Giá a metá di settembre iniziano gli allenamenti di sciatori internazionali sul ghiacciaio della Val Senales. La stagione invernale inizia a metà di settembre e termine inizio maggio. 

    Escursioni indimenticabili sul ghiacciaio della Val Senales
    In estate sono in servizio la funivia ghiacciai e la cabinovia Lazaun.

    Il ghiacciaio Giogo Alto in Val Senales d’estate è meta ambita per chi ama le escursioni in Alto Adige. Impegnativi tour alpinistici portano sulla Palla Bianca, sulla Punta di Finale o sulla magnifica cima del Similaun nelle vicinanze del luogo di ritrovamento di Ötzi.

    Con la Cabinovia Lazaun è possibile raggiungere comodamente la stazione a monte di Lazaun in modo protetto in circa 4 minuti. Quassù si trova una flora e fauna alpina molto particolare, poiché l‘altopiano di Lazaun è il risultato della forza dei ghiacciai e di una palude. Se siete alla ricerca di più divertimento, è possibile noleggiare smart mountaincarts, che garantiscono una discesa ricca di azione.

    Arte e cultura
    Libera Università di Bolzano, campus di Bressanone
    Bressanone, Bressanone e dintorni

    La facoltà di Scienze della formazione dell’Università di Bolzano è stata decentrata a Bressanone. A un primo sguardo questa rigida architettura moderna che si contrappone al vicino Palazzo vescovile può sembrare quasi irritante, ma a un’osservazione più attenta le sue qualità architettoniche e urbanistiche emergono pienamente. Il grande volume a pianta quadrata, infatti, corrisponde più o meno alla scala del Palazzo vescovile mentre il piano terreno sovrastato da tre livelli superiori interamente vetrati ripropone un tema tipico della città, quello dei portici. La corte interna con le sue piccole piazze riprende come motivo ordinatore le strette strade e i pozzi di luce molto diffusi nel tessuto storico di Bressanone. Con grande coerenza i materiali sono ridotti, all’interno e all’esterno, al vetro e al calcestruzzo a vista. L’essenzialità degli allestimenti interni si adegua ai ritmi della didattica, basata su una quiete e una concentrazione quasi monacali.

    Pane e dolci
    Goldrainer Backstube - Panificio
    Laces, Val Venosta

    Il panificio di Coldrano inforna pane tradizionale, dal "Paarl" tipico fino alla pasticceria il panifico di Coldrano significa per prodotti tradizionali e un pane buonissimo.

    Arte e cultura
    Palazzo della Provincia 2
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Dialogare efficacemente con l’imponente mole della stazione ferroviaria di Angiolo Mazzoni (1928), situata sul lato opposto della piazza, non era un compito semplice per il progettista di questo edificio pubblico. La soluzione è stata agevolata dal fatto che il nuovo palazzo, così come la stazione, non costituiva una semplice architettura ma una vera e propria struttura urbana. La forma irregolare del complesso, risultato dell’aggregazione di vari corpi di fabbrica, è definita dagli spazi urbani adiacenti: la piazza della stazione semicircolare sul fronte principale, la piazza Magnago rettangolare e le vie Laurin e Rittner sul fronte opposto. Il palazzo è attraversato inoltre da tre percorsi pedonali radiali che partono dalla piazza della stazione, e racchiude due corti interne. Le facciate sono rivestite di marmo bianco ai piani terra e rialzato e di porfido rosso ai quattro piani superiori. Gli interni sono caratterizzati da una buona illuminazione, mentre gli uffici presentano una grande varietà di allestimenti.

    Arte e cultura
    Scuola, mensa e palestra A. Rosmini
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Dietro la vecchia chiesa di Gries, all’inizio del secolo scorso fu demolito il maso Lofferer con le relative serre e al suo posto, nel 1908, furono costruite una scuola elementare e una scuola materna. Il complesso scolastico è stato riqualificato nel 1998. Al gruppo di edifici esistenti si è aggiunta nel 2002 la palestra, quarto edificio che delimita spazialmente il cortile della scuola. La pelle trasparente in acciaio e vetro della palestra evoca l’Orangerie che un tempo sorgeva nella stessa posizione. La facciata appesa in vetro infrangibile regala trasparenza all’edificio e permette sia di guardare al suo interno sia, dall’interno, di apprezzare la vista dei castagni secolari. A completamento dell’intervento del 2008 è stata realizzata la mensa, interrata nello stretto spazio tra la strada e la scuola e illuminata dall’alto attraverso un lucernario: una soluzione che non pregiudica l’isolamento dell’ormai centenario edificio scolastico.

    Arte e cultura
    Museo della Farmacia Peer
    Bressanone, Bressanone e dintorni

    Il Museo è situato accanto alla farmacia Peer, in uno dei palazzi cittadini più antichi di Bressanone. Le vetrine e gli ingressi del negozio, rivestiti con profili in metallo scuro e lamiera di acciaio, sono ritagliati con grande sensibilità nella facciata intonacata al piano terreno. Al museo si accede percorrendo un passaggio coperto da volte gotiche, sotto le quali sono appese alcune eleganti vetrine con i telai in metallo scuro. Le strutture storiche dell’edificio, con le scale che immettono al piano superiore, sono state interamente riportate alla luce e dotate di inserti moderni chiaramente riconoscibili. Lo stesso principio si estende alle sale espositive parzialmente rivestite con le pannellature in legno originarie, dove una serie di moderne vetrine curate nei dettagli presenta 400 anni di storia della farmacia.

    Arte e cultura
    Scuola superiore professionale Claudiana
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    La Scuola superiore per le professioni sanitarie è localizzata nelle immediate vicinanze dell’Ospedale di Bolzano. Su una pianta a L si eleva una costruzione alta tre piani di calcestruzzo armato, delimitata su tutti i lati da facciate in vetro. I pilastri di acciaio ben distanziati dalle facciate che sorreggono le balconate e la pensilina in vetro continua e fortemente aggettante rendono l’edificio leggero e quasi privo di materialità. Questo trattamento dei fronti esterni genera un contrasto stimolante con le scalinate di aspetto monumentale liberamente disposte lungo il perimetro dell’edificio. All’interno del complesso scolastico, finito con pavimenti in pietra naturale chiara, pareti divisorie in legno di acero, vetro e alluminio, predominano le tonalità calde che generano un’atmosfera piacevole. Una grande piazza quadrata rivestita di lastre di pietra inquadra visivamente l’edificio comunicando un’impressione di grandiosità.

    Arte e cultura
    Accademia Europea EURAC
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Negli anni Trenta sorsero su progetto degli architetti Miozzo e Mansutti le Case della GIL di Merano, Bressanone e Bolzano. L’unica ad avere conservato le forme originarie, per quanto bisognosa di un intervento di restauro, è quella di Bressanone. A Bolzano si è deciso invece di riutilizzare l’edificio ormai in stato di degrado – tra l’altro una delle opere più significative del razionalismo di epoca fascista – con l’inserimento di nuove funzioni. La Casa è stata così riqualificata e ampliata in seguito a un concorso, e il fatto che il vincitore sia un architetto austriaco è un segno della multiculturalità di Bolzano. Ai corpi di fabbrica soggetti a tutela monumentale, restaurati e reintonacati con un manto di colore rosso, sono stati aggiunti alcuni volumi trasparenti con rivestimento in acciaio e vetro su una slanciata struttura portante in calcestruzzo. I nuovi edifici ridefiniscono il rapporto con il contesto urbano grazie a una piazza di ingresso, una caffetteria e una corte a giardino. Il design degli interni è caratterizzato dalla stessa leggerezza dell’esterno.

    Noleggio attrezzatura
    Noleggio Ski Hellweger
    Monguelfo-Tesido

    Nel laboratorio vi aspetta personale competente per uno sci-service al top, noleggio sci e analisi termografica del vostro piede, per trovare la soletta ottimale da inserire nei vostri scarponi da sci. Noleggio sci alpino e fondo: Oltre alla professionalità, diamo grande importanza alla pulizia e cordialità. Noleggio: Ski Alpin, Boots Alpin, Ski Nordic, Boots Nordic, casco, ciaspole, slittino, bastoncini.
    Accettazione Ski Service: nel nostro laboratorio abbiamo istallato il nuovissimo impianto WINTERSTEIGER MERCURY per un servizio sci ad altissimo livello.

    Fortezze e castelli
    Castello Coldrano
    Laces, Val Venosta

    Il Castello di Coldrano, un tempo sede principale dei Conti Hendel, è oggi un centro di formazione. Le origini del castello non sono facilmente ricostruibili, ma probabilmente è stato costruito a partire dal 1323. La parte più antica però risale probabilmente al XII secolo.

    Chiese e abbazie
    Chiesa parrocchiale di S. Luzius
    Laces, Val Venosta

    Alla parrocchiale di S. Lucio a Coldrano nell’anno 1491 è stato conferito il suo aspetto gotico odierno. Da segnalare sono gli affreschi gotici sulla parete meridionale della chiesa e la tomba di marmo del capitano del Tirolo Franz Hendl.

    Sport e tempo libero
    Mountaincarts Lazaun
    Senales, Merano e dintorni
    Divertimento e azione sul Lazaun
    Dopo una splendida escursione con sosta alla baita Lazaun, godetevi una veloce discesa su tre ruote con i mountain cart dello Sportservice Erwin Stricker.

    I fantastici carretti di montagna sono disponibili ogni martedì, giovedì, sabato e domenica da luglio a settembre e tutti i giorni di Ferragosto. I carrelli possono essere noleggiati alla stazione a monte della Cabinovia di Lazaun e restituiti alla stazione a valle di Lazaun. Bambini a partire da 10 anni o 140 cm possono scendere da soli.
    Sport e tempo libero
    Campo giochi Trattla
    Martello, Val Venosta

    Al centro Trattla si trova un campo giochi fantastico, dove i piú piccoli hanno la possibilitá di sfogarsi.

    Scuole di sci
    Scuola sci discesa e fondo Val Casies
    Valle di Casies

    BENVENUTI ALLE LEZIONI DI SPORT INVERNALI! Vorreste imparare a sciare, migliorare la vostra tecnica e vivere dei momenti indimenticabili in un ambiente sicuro? Noi abbiamo il know-how necessario e i collaboratori qualificati. Offriamo corsi per sciatori, snowboarder e fondisti, per bambini e adulti, per principianti e avanzati.

    Arte e cultura
    Centro di arrampicata Vertikale
    Bressanone, Bressanone e dintorni

    A nord del centro storico di Bressanone si trova una zona dedicata allo sport con il complesso di piscine Acquarena. Il risultato di un concorso per l’ampliamento dell’area prevedeva l’edificazione di una palestra di roccia coperta – ­l’unico intervento finora realizzato – accanto a una scuola di musica e a un garage interrato. Il centro di arrampicata richiedeva di raggiungere una certa altezza e la soluzione trovata è un volume cubico che spicca nel tessuto edilizio circostante tanto da essere diventato un vero e proprio landmark. La sua trasparenza permette di osservare dall’esterno la palestra ma anche di godere dall’interno di una bella vista sulla città; inoltre è una costruzione che risponde a precisi criteri di sostenibilità ambientale. La struttura in calcestruzzo armato con le facciate in acciaio e vetro è rivestita con una seconda pelle di pannelli metallici forati ondulati e dorati che illuminano l’interno con una luce morbida senza ombre nette. Al centro si accede salendo una scalinata monumentale che in futuro servirà anche la vicina scuola di musica.

    Musei
    Centro visite Parco Naturale Vedrette di Ries-Aurina
    Campo Tures, Valle Aurina

    Il centro visite è una panoramica del parco naturale delle Vedrette di Ries-Aurina.
    Esposizioni e mostre illustrano le particolarità del parco. Impressioni audio-visive trasmettono un quadro della vita nel parco. Un filmato presenta il parco con prospettiva „a volo d‘aquila“. Un plastico tridimensionale da informazioni su cime, rifugi e percorsi. L‘orografia occupa un‘estensione che va dall‘Europa centrale fino all‘Artico e informa su fauna, flora, geologia e minerali. Il DVD „Lo scrigno della biodiversità“ e varie multivisioni ci portano nel mondo dei parchi naturali. Mostre straordinarie arricchiscono l´offerta.

    Mostra speciale dal 27.12.2023 al 30.03.2024: Il futuro del pascolo | Life Stock Protect

    Come incide la pastorizia sulla formazione del paesaggio quando il bestiame è guidato in modo mirato? Come proteggere il bestiame al pascolo? La mostra su aspetti della pastorizia è completata da interessanti informazioni sui pascoli nel Parco naturale Rieserferner-Ahrn.

    Arte e cultura
    Accademia Cusano
    Bressanone, Bressanone e dintorni

    Circondata dal parco del Seminario, l’Accademia Cusano fu un progetto pionieristico per la scena architettonica altoatesina del dopoguerra, tanto da ricevere un ampio consenso anche fuori dalla regione. Il corpo di fabbrica su tre livelli delimita la corte retrostante il barocco palazzo del Seminario e nella facciata est, reinterpreta attraverso un linguaggio contemporaneo, uno dei temi dominanti del centro storico di Bressanone, quello dei portici. I materiali impiegati, cemento a vista e mattoni, conferiscono una qualità elevata alla pelle esterna e agli interni che non a caso sono ancora in perfetto stato di conservazione dopo oltre mezzo secolo. Il centro dell’edificio è occupato da una grande sala che comunica con i piani superiori per mezzo di balconate e rappresenta lo spazio collettivo più grande dell’edificio, tanto da essere utilizzata spesso per l’ottima acustica. Le sue volte in cemento a vista, molto elaborate dal punto di vista statico, presentano una successione di superfici curve che forniscono un buon livello di illuminazione allo spazio sottostante.

    Arte e cultura
    Il sentiero gola Plima
    Martello, Val Venosta
    Su incarico dell’associazione turistica Laces-Val Martello e del comune di Martello sono state realizzate quattro nuove scene della gola per presentare la gola con tutte le sue bellezze. Grazie alle quattro costruzioni imponenti in acciaio corten integrate nella natura, ora gli escursionisti hanno la possibilità di vivere la gola da vicino. Spruzzi d’acqua inclusi!
    Grazie a interventi relativamente piccoli le quattro costruzioni – cazzuola, falce panoramica, pulpito panoramico e ponte sospeso – permettono ai visitatori incontri particolari e sempre diversi con la gola.
    Il punto di partenza e di arrivo è il parcheggio alla fine della valle, da qui si va al primo punto di vista; la "cazzuola" permette ai visitatori di scendere su gradini sicuri per vivere da vicino lo scroscio dell'acqua, gli spruzzi d’acqua nonché i fianchi delle rocce levigate.
    Il secondo punto di vista, la "falce panoramica", offre una vista panoramica aperta sulle cime di fronte, sul Rifugio Nino Corsi, in direzione Hotel Paradiso e in direzione d’uscita di valle.
    I visitatori del "pulpito panoramico" possono salire i gradini della costruzione d’acciaio che portano dalla vegetazione al di là del bordo. La vista verticale della gola suggerisce una sensazione di assenza di gravità.
    Il quarto edificio alla fine, il ponte sospeso, permette di attraversare la gola tra le due sponde. Il ponte è concepito in modo che sia accessibile tutto l’anno. Questo fornisce un collegamento diretto al Rifugio Nino Corsi. Sempre avanti fino alla diga, la "costruzione", e fuori della valle fino ad arrivare al parcheggio.
    Arte e cultura
    Hotel Pupp
    Bressanone, Bressanone e dintorni

    L’edificio occupa una posizione strategica ai margini del centro storico, mediando tra la successione ininterrotta delle facciate storiche e gli edifici vicini più recenti. Si tratta di un’architettura chiaramente contemporanea che si impone sul contesto, gioca con le proporzioni dell’edificato circostante e crea tensione con i suoi volumi parallelepipedi impilati e sfalsati. L’impiego di una struttura portante in cemento armato rivestita con un intonaco speciale impermeabile ha permesso di ricavare una serie di sbalzi e arretramenti nel corpo di fabbrica alto due piani. Questo trattamento dei volumi permette di ricavare davanti alle camere delle zone scoperte illuminate dall’alto come piccole corti, che creano un senso di protezione e di intimità. Un ulteriore taglio sulla copertura lascia penetrare la luce all’interno dell’edificio. La terrazza a verde sulla sommità dell’albergo offre una piacevole vista sui tetti della città e sulle montagne che circondano la conca di Bressanone.

    Arte e cultura
    Palazzo della Provincia 11
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Un poco attraente ufficio postale degli anni Cinquanta è stato riqualificato come edificio passivo a destinazione amministrativa. Con la sopraelevazione di due piani l’immobile ha acquisito una dimensione più adatta anche in riferimento al contesto. La torre delle scale del vecchio edificio, situata accanto all’elegante torre della stazione, non era più adeguata e nella ristrutturazione è stata rivestita di elementi fotovoltaici. Il massiccio volume architettonico è stato vivacizzato con un trattamento differenziato delle finestre in modo da creare un gioco di ombre e luci. I costi aggiuntivi del 3% dovuti agli impianti tecnici a risparmio energetico sono stati ammortizzati nel giro di appena cinque anni: Si tratta infatti di un edificio CasaClima Oro che consuma per il riscaldamento solo 45 euro a dipendente in confronto ai 270 euro della categoria C: è il primo edificio per uffici passivo in Italia. Gli interni, contraddistinti dai larghi corridoi per utilizzi alternativi, appaiono luminosi e accoglienti e sono allestiti con materiali semplici.

    Arte e cultura
    Monumento alla Vittoria
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    L’idea di sostituire l’incompiuto monumento ai Kaiserjäger con un’opera che celebrasse i caduti della prima guerra mondiale, finanziata da una campagna di donazioni in tutta Italia, venne da Mussolini in persona. L’architetto progettò in ogni caso un Monumento alla Vittoria nello stile degli archi di trionfo romani, che intendeva celebrare l’imperialismo fascista: non solo con le insegne ma anche con la grande iscrizione che si richiamava alla tradizione guerresca dell’impero romano e fu percepita come una grave offesa dagli altoatesini di lingua tedesca. Dopo lunghe trattative tra la Provincia di Bolzano e il Ministro della cultura italiano, nel 2014 all’interno della cripta sottostante il monumento protetto da alte cancellate è stata inaugurata un’esposizione permanente, il cui scopo è favorire la comprensione e l’intesa reciproca. Argomento della mostra sono gli eventi legati alle due dittature succedutesi in Alto Adige tra il 1918 e il 1945.

    Arte e cultura
    Stazione a monte della Funivia Merano 2000
    Avelengo, Merano e dintorni

    La vecchia funivia di Ivigna, risalente agli anni Sessanta, nel 2010 è stata sostituita in soli dieci mesi da un nuovo impianto tra Merano/Val di Nova (750 m) e Merano 2000 (1960 m). Oggi due cabine da 120 persone raggiungono la stazione a monte in soli sei minuti. Gli impianti tecnici della ditta Doppelmayr sono racchiusi in un grande parallelepipedo con un rivestimento leggero in lamiera forata rossa che dà origine a un segno forte, visibile anche da lontano nel paesaggio, e sembra quasi fluttuare sopra le bianche terrazze di sbarco. Impiegando una gamma limitata di materiali – acciaio, vetro e calcestruzzo chiaro – si è realizzata un’architettura leggera e trasparente che offre vedute grandiose sul paesaggio alpino. La stazione a valle e quella a monte, entrambe vincitrici di vari premi, rappresentano un’alternativa rispetto agli impianti di risalita più comuni: in questo caso tecnologia, forma e funzione si fondono per dare vita a un’architettura senza tempo.

    Arte e cultura
    Scuola professionale provinciale di Bolzano
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Considerazioni di carattere urbanistico hanno portato a realizzare tre corpi di fabbrica paralleli di forma allungata e di differente altezza, con un portico di ingresso alto due piani affacciato su piazza Lazzerini. L’utilizzo di materiali comuni quali calcestruzzo a vista, acciaio e vetro, e la coerenza dell’impianto architettonico comunicano un senso di quiete e di spaziosità. Dal portico si raggiunge un vasto atrio inondato di luce che si interpone tra la prima e la seconda ala del complesso, da cui si accede ai piani superiori. Sotto l’atrio si trova la palestra, fiancheggiata alle estremità dalle torri delle scale. Le passerelle in acciaio e vetro, decorate dall’artista Heimo Zobernig, permettono un facile accesso alla terza ala dell’edificio e alla terrazza sul tetto utilizzata come spazio per la ricreazione.

    Chiese e abbazie
    Chiesa di Santa Caterina
    Corvara, Regione dolomitica Alta Badia

    La chiesa parrocchiale di Santa Caterina d’Alessandria, menzionata nel 1347 e consacrata nel 1452, è la prima chiesa di Corvara. Nella piccola chiesa, costruita in stile tardo gotico, si possono ammirare alcune opere di notevole bellezza e importanza artistica.

    Ad esempio, alcuni affreschi che raffigurano, tra l'altro, Santa Caterina e un altare ad ante risalente al 1520, l'unico altare ad ante ancora ben conservato nelle chiese della Val Badia. Sul retro di una delle ante dell'altare maggiore è rappresentato il martirio di Santa Caterina. L'altare fu realizzato dalla bottega locale di Ruprecht Potsch e completamente restaurato nel 1975. La leggenda narra che i dipinti sui due pannelli dell'altare siano del famoso Tiziano, che sembra fosse stato a Corvara per un breve periodo. Gli esperti d'arte attribuiscono invece il lavoro ad un artista della cosiddetta Scuola del Danubio, Albrecht Altdorfer.

    Intorno alla chiesa vi è, come d’uso nei nostri paesi, il cimitero del villaggio.

    Arte e cultura
    Cantina Colterenzio
    Appiano sulla Strada del Vino, Strada del Vino

    La cantina sociale, fondata nel 1960, può contare su 290 aderenti con più di 300 ettari di vigneti. I capannoni originari, situati fuori del paese di Cornaiano, non erano più adeguati né alla qualità della produzione vinicola né all’immagine dell’azienda. Una prima fase di riqualificazione ha previsto l’applicazione a uno degli edifici di un bel rivestimento esterno di tavole di legno di rovere orientate in verticale, con profonde aperture in corrispondenza delle finestre protette da cornici di lamiera. Nella seconda fase a copertura della zona di consegna è stata realizzata una struttura leggera in acciaio sotto la quale sono stati inseriti i nuovi impianti della cantina. Infine lo spazio per le degustazioni è stato completamente riallestito. Approfittando della buona visibilità della cantina sul pendio anche da una certa distanza, davanti ai capannoni più vicini alla strada è stata eretta come installazione di benvenuto una sorta di gabbia di acciaio ricoperta di tralci. Il bordo stradale è stato invece piantumato con cipressi per sottolinearne la funzione di viale d’accesso.

    Arte e cultura
    Messner Mountain Museum Corones
    Brunico, Regione dolomitica Plan de Corones

    Nel Messner Mountain Museum Corones, situato sull'altopiano di Plan de Corones a 2.275 metri sul livello del mare, Reinhold Messner si concentra sull'alpinismo tradizionale. Le forme fluide dell'edificio entrano in un dialogo con le condizioni esterne. L'idea era quella di creare un luogo di silenzio, decelerazione, uno spazio per il ritiro e l'esperienza. La maggior parte dei pannelli esterni e interni del museo sono in cemento locale: nessun altro materiale può essere versato così bene in tutte le forme immaginabili. Per impattare il meno possibile sul paesaggio e per evitare un'ulteriore ostruzione della vetta, il museo è ospitato su più livelli e per lo più sotterraneo. Durante la costruzione, 4.000 metri cubi di terra e roccia sono stati scavati e distribuiti sopra o intorno alla struttura - il museo si immerge nella montagna e nelle stanze si mantiene una temperatura costante. Le scale a forma di cascata conducono dal livello superiore all'area d'ingresso su tre livelli di esposizione, fino al piano più basso. Qui, i visitatori passano due grandi vetrate fisse e raggiungono una terrazza di quasi 40 metri quadrati dalla quale possono godere di una vista panoramica a 240 gradi delle Alpi della Zillertal e delle Dolomiti.

    Arte e cultura
    Piscine del Lido di Bolzano
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Il desiderio, tipico dell’epoca, di poter restare a contatto con la natura e praticare attività sportive anche in città è alla base della scelta dell’amministrazione comunale fascista di Bolzano di costruire un impianto balneare lungo il fiume Isarco. Sul terreno circostante la struttura fu realizzato un giardino con una sistemazione paesistica di qualità notevole. Gli edifici facevano riferimento al razionalismo italiano di quegli anni, che aveva tra i suoi modelli l’architettura del Bauhaus: l’evidente corrispondenza tra funzioni e forme e la riduzione di queste ultime all’essenziale evitano qualsiasi riferimento alla monumentalità fascista tipica di quegli anni. Il padiglione di ingresso, rivestito di intonaco e dotato di un’ampia terrazza, presenta tratti espressivi ben definiti che lo avvicinano alla piscina pubblica di Gmünd progettata in precedenza da Franz Geßner, un allievo di Otto Wagner. Anche se all’epoca questa architettura fu sentita come estranea dagli altoatesini, la sua qualità è ancora oggi evidente.

    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499