Vai ai contenuti
aggiunto ai preferiti
rimosso dai preferiti
Oops! C’è stato un problema, prova di nuovo
Il tuo account è in corso di creazione
Il tuo account è stato creato con successo e ora hai effettuato l'accesso.
Sei stato disconnesso
Filtra
Filtri selezionati
    Livello di difficoltà
    Durata
    Distanza in Km

    Esperienze da fare in Alto Adige

    Scopri tutte le esperienze in Alto Adige

    Risultati
    Chiese e abbazie
    Chiesa dei cappuccini S. Massimiliano
    Merano e dintorni

    Chiesa conciliare risalente al XVI secolo con annesso il convento dei frati cappuccini. Si trova adiacente a Porta Venosta. Ss. Messe in lingua tedesca: giorni feriali: ore 06.30 domenica e giorni festivi: ore 07.00 & 10.00 Ss. Messe in lingua italiana: giorni feriali: ore 07.30 domenica e giorni festivi: ore 08.30

    Luoghi da vedere
    Pietra di Dürer a Chiusa
    Bressanone e dintorni

    Era l'autunno del 1494 quando il giovane Albrecht Dürer si fermò a Chiusa e salì i pendii del Monte Tschan sul versante sinistro della valle. Un bellissimo sentiero porta oggi da Chiusa a questi pendii dove dopo pochi minuti si raggiunge una panchina. Da qui il pittore disegnò la cittadina di Chiusa. Sicuramente si lasciò trascinare dalla prosperità del paesaggio che lo circondava. Purtroppo la sua opera è andata perduta. È rimasta però un incisione su rame come sfondo alla sua figura allegorica "La grande fortuna". A ragione quando Chiusa si definisce la cittadina di Dürer. Chi vuole recarsi nel posto sopra citato deve andare alla pietra di Dürer (Dürerstein).

    Chiese e abbazie
    Chiesa dell'Ospedale a Chiusa
    Bressanone e dintorni

    Dopo il 1200 il Vescovo di Bressanone Konrad von Rodank fece costruire un alloggio per pellegrini, per dare ospitalità ai viaggiatori e per curarli in caso di malattia - da ciò deriva il nome "Chiesa dell'Ospedale". Dopo numerose inondazioni si è conservata fino ad oggi solo la piccola chiesa circolare. La costruzione a pianta centrale è sormontata da una volta a calotta e un piccolo campanile. Nel suo interno si possono ammirare resti di affreschi romanici. Fino al 1460 la chiesa fungeva anche da chiesa parrocchiale ma la sede fu trasferita a causa della continua minaccia di inondazione. La chiesa fu consacrata una seconda volta e dedicata questa volta al martire s. Sebastiano.

    Chiese e abbazie
    Chiesetta di San Felice
    Merano e dintorni

    La chiesetta San Felice si trova sulle pendici del Monte di Marlengo. Si ha notizia della sua consacrazione intorno al 1251. I successivi ampliamenti risalgono al 1400 ed al 1500. Una menzione particolare merita la fontana di acqua sorgiva all’interno della chiesetta, alla quale un tempo si attribuivano proprietà taumaturgiche.

    Luoghi da vedere
    Fossa e forni da calce
    Merano e dintorni

    A una decina di minuti a piedi dal biotopo Lago nero, si trovano le calcare (fornaci per la cottura dei sassi calcarei) e il calcinaio (fossa per spegnere la calce) che fino al 1960 furono per molti abitanti di Marlengo luogo di lavoro e fonte di sostentamento. Quest'antica tradizione scomparve con l'introduzione del cemento.

    Arte e cultura
    Passeggiata tecnica “Oskar von Miller”
    Merano e dintorni

    Dedicato alla tecnica e all'elettricità, questo percorso tematico in 12 tappe esplora le origini della produzione di corrente elettrica a partire dall'energia idraulica. La passeggiata tecnica ha inizio in centro a Marlengo, presso la colonna per le affissioni, e tocca 12 postazioni, ubicate a diverse centinaia di metri le une dalle altre. Tra i punti di maggiore interesse, spiccano il cavo interrato che già nel 1905 approvvigionava di corrente elettrica le città di Bolzano e Merano e la camera di carico della centrale elettrica di Marlengo, risalente al 1925.

    Luoghi da vedere
    "Tiroler Platz" a Marlengo
    Merano e dintorni

    Ubicata in centro a Marlengo, la Tiroler Platzl è tra le iniziative più significative dell'intero Tirolo. In questa piazza fu inaugurato nel 2009, in occasione del bicentenario hoferiano, un monumento unico nel suo genere: quattro rocce provenienti dalle terre che configurano il Tirolo storico e una cartina che ne mostra il profilo, a testimonianza delle radici comuni delle quattro regioni.

    Golf
    Golf Club Lana "Gutshof Brandis"
    Merano e dintorni

    Vacanze golf per eccellenza! In posizione pittoresca appena sotto i ruderi di Castel Brandis, a Lana di Sotto, incastonato nel cuore delle Alpi e tra ampi frutteti, il più giovane campo da golf dell'Alto Adige invita a giocare a 9 buche. In posizione pittoresca appena sotto i ruderi di Castel Brandis, a Lana di Sotto, incastonato nel cuore delle Alpi e tra ampi frutteti, il più giovane campo da golf dell'Alto Adige invita a giocare a 9 buche.

    Panorami spettacolari per i golfisti: chi non punta subito alla buca successiva, può far spaziare l'occhio sulla verde vallata dell'Adige. Lo scenario idilliaco e rilassante è però solo uno degli ingredienti che contribuiscono al successo del campo a 9 buche del Golfclub Lana.

    Michael Pinter, noto designer inglese di campi da golf, ha infatti progettato qui un meraviglioso Golfparcours che presenta, su una lunghezza di quasi 2.800 metri, 3 Par 3, quattro Par 4 e due Par 5. Il campo di Golf a Lana di Sotto è praticabile quasi tutto l'anno e garantisce un gioco confortevole a giocatori di ogni grado d'esperienza e di ogni età. Oltre alla Club-house, l'impianto comprende un ristorante, un lounge-bar ed una trattoria tipica nella vicina cantina Brandiskeller.

    Arte e cultura
    L'alta via di Marlengo
    Merano e dintorni

    Alta Via di Marlengo porta da maso a maso. L'impressione generale dell' escursionista che percorre l' Alta Via di Marlengo è sicuramente influenzata della vista di questi bei masi - ma è la natura ad imprimere meravigliose immagini nella nostra mente; il bosco misto, qui e là un frutteto, prati, giganteschi ippocastani, per non parlare della vista panoramica sul Burgraviato e le sue portentose cime. Percorso: da Marlengo (363 m) seguendo il sentiero nr. 33 si arriva a Via Monte e proseguendo in direzione sudovest si passa davanti al ristorante Waalheim e si sale fino al tornante sopra "Halbweg". Da qui si svolta a destra per immettersi nell´Alta Via di Marlengo (sentiero segnato - non si può sbagliare). Da qui si procede andando su e giù, quasi sempre attraverso prati e boschi incontrando i ristoranti citati in basso. (massima altitudine del percorso ca. 780 m). Dirigendosi verso nord si arriva fino al ristorante "Senn am Egg" (698 m), dove termina l'Alta Via e inizia la via di ritorno verso Marlengo (sentiero nr. 35). Ancora più affascinante è il percorso che si dirige sempre nella stessa direzione e che segue il sentiero nel bosco segnalato. Passando attraverso il Monte S. Giuseppe in direzione Foresta si arriva al canale "Waalweg" di Marlengo e si prosegue attraverso boschi e frutteti fino a raggiungere la graziosa chiesa di S. Felice. Si prosegue quindi verso sud in direzione del ristorante "Waldschenke" da dove, in breve tempo, si raggiunge Marlengo.

    Dislivello: ca. 420 m Durata: ca. 4/5 ore

    Arte e cultura
    canale d`irrigazione di Marlengo
    Merano e dintorni

    Con i suoi 12 km di lunghezza, il Marlinger Waalweg, il sentiero della roggia di Marlengo, è il più lungo dell’Alto Adige. Creato ben 250 anni fa, il sentiero parte dal ponte di Tel e dopo una breve salita prosegue su terreno stabile e pianeggiante, circondato da meleti e boschi ombreggianti. Dopo aver ammirato l’imponente Castel Lebenberg di epoca medievale, si costeggia il monte di Marlengo in leggera discesa fino al paese di Lana.

    Luoghi da vedere
    Biotopo Lago nero
    Merano e dintorni

    Elemento paesaggistico di grande ricchezza, il biotopo Lago nero sul Monte San Vigilio si caratterizza per la tipicità della flora e della fauna: il laghetto è abitato da pesci, rane, tritoni, libellule e svariati insetti acquatici.

    Sport e tempo libero
    Zona sportiva Chiusa
    Bressanone e dintorni

    La zone sportiva di Chiusa é vicino alla piscina di Chiusa.

    Erba sintetica & terra battuta Volleyball

    Pattinaggio su ghiaccio
    Pista di pattinaggio Chiusa
    Bressanone e dintorni

    Pattinaggio su pista di ghiacco naturale, tornei di birilli su ghiaccio, sampo illuminato, noleggio pattini, bar

     

    Aperto secondo la situazione meteo

    Arte e cultura
    Sentiero Avventura Roggia di Marlengo
    Merano e dintorni

    Il sentiero che fiancheggia la roggia di Marlengo invita a scoprire le curiosità e le meraviglie del bosco. Nella parte che si snoda tra la trattoria Waldschenke e il ristorante Waalheim sono state allestite diverse stazioni interattive che regalano viste mozzafiato sul paesaggio.    

    Centri culturali e teatri
    Theater in der Altstadt
    Merano e dintorni
    La storia del Theater in der Altstadt nasce dal sogno di uno studente di ritorno da Vienna che incontra a Merano un gruppo di attori dilettanti e amanti del teatro ribelli e coraggiosi. Era un periodo di risveglio artistico e di cambiamento sociale con un grande potenziale creativo. Gli inizi erano pieni di entusiasmo e spirito pionieristico. La strada è stata lunga e spesso accidentata, ma il risultato è impressionante...
    Fortezze e castelli
    Garni Castello Paschbach
    Strada del Vino

    Castel Paschbach è un accogliente bed and breakfast ad Appiano sulla strada del vino, Alto Adige , in cui troviamo uno straordinario connubio tra storia, cultura e tradizione, senza dimenticare i più moderni comfort. A molti il castello Paschbach richiamerà senz'altro alla mente un grande pianista: Arturo Benedetti Michelangeli, uno dei pianisti più famosi dell'ultimo secolo. Michelangeli trascorse numerosi anni in questo castello e suonò quel pianoforte che ancora oggi potrete ammirare. Castel Paschbach, poco distante da Bolzano, dal Lago di Caldaro e dal Lago di Monticolo, oltre ad essere una prestigiosa residenza nobiliare, è oggi uno splendido bed and breakfast a gestione familiare. Il suo parco, adagiato tra frutteti e vigneti lungo la Via Monte di Appiano, offre agli ospiti paesaggi maestosi e una piacevole sensazione di tranquillità. Come elemento centrale dell'imponente costruzione si erge la "Torre di Paschway", risalente alla prima metà del XIII secolo al centro della quale si trova una magnifica stube gotica. Numerosi edifici circondano inoltre l'intero complesso, percorrendo la cinta muraria coronata di merli. Nelle immediate vicinanze gli appassionati di golf potranno praticare il proprio sport preferito presso il Golf Club Castel Freudenstein di Appiano. Dotato di driving range con pitching area e putting green qui tutti potranno giocare a golf in piena tranquillità e divertimento. Numerose altre attività vi attendono per il tempo libero ad Appiano e dintorni!

    Punti d'acqua potabile
    Fontana S. Maria Assunta zona cani Merano
    Merano e dintorni
    Nel corso del progetto "Rispetta la montagna" sono state raccolte e pubblicate le fontane certificate del comune di Merano. Il progetto sensibilizza a un comportamento ecologico, rispettoso e responsabile in montagna. Le fontane invitano a riempire bottiglie riutilizzabili con acqua potabile fresca e di qualità.
    Guide, scuole
    Centro sportivo Marlengo
    Merano e dintorni

    Nella zona di Marlengo cosiddetta Unterdorf ha sede un ampio centro sportivo rimodernato nel 2009. Il complesso comprende uno skatepark, campetti di calcio, campi da beach volley, badminton e tennis. Le prenotazioni si effettuano presso il bar del centro sportivo (0039 0473 449777).

    Arte e cultura
    La corona di mele di Marlengo
    Merano e dintorni

    La festa del ringraziamento più antica è la Festa dell’Uva di Merano, che dal 1886 si celebra al termine della vendemmia nel terzo fine settimana di ottobre. Ogni cinque anni la Festa dell’Uva fa da cornice al Raduno bandistico dell’associazione bande musicali altoatesine.

    Momento clou della festa popolare più grande dell’Alto Adige è la magnifica sfilata domenicale di carri addobbati attraverso le vie del centro storico, ma purtroppo quest anno non viene fatta la sfilata. Il carro più antico e conosciuto è il carro della corona di mele. Il carro della corona di mele esordì in occasione dell’Autunno Meranese (la Festa dell’Uva di allora), grazie all’opera della COFRUM (Consorzio Frutticoltori di Marlengo).

    Così fino agli anni ’60, quando lo prese in carico l’Azienda di Soggiorno di Merano. A partire dal 1984, su sua esplicita richiesta, venne affidato a Luis Arquin che ancor oggi lo cura. Presidente dell’ente turistico di Marlengo e agricoltore, Arquin è a ragione molto orgoglioso del carro, che confeziona per pura passione.

    Punti d'acqua potabile
    Fontana S. Maria Assunta Sud Merano
    Merano e dintorni
    Nel corso del progetto "Rispetta la montagna" sono state raccolte e pubblicate le fontane certificate del comune di Merano. Il progetto sensibilizza a un comportamento ecologico, rispettoso e responsabile in montagna. Le fontane invitano a riempire bottiglie riutilizzabili con acqua potabile fresca e di qualità.

    Suggerimento: acquistate una soulebottle "puro" a € 20,00 direttamente presso l'ufficio informazioni dell'Azienda di Soggiorno di Merano, prodotta in modo equo, sostenibile e neutrale dal punto di vista climatico.

    Chiese e abbazie
    Sentiero circolare di San Martino
    Merano e dintorni

    Fresco di inaugurazione, il sentiero di San Martino - che prende il nome dalla chiesetta nei pressi dei masi Egger - comodo da percorrere e ha tracciato circolare.

     

    Arte e cultura
    La ViaCulturaVini Marlengo
    Merano e dintorni

    La ViaCulturaVini di Marlengo (4 km) parte dal centro del paese, si snoda lungo vicoli poco trafficati passando per la Cantina sociale Merano Burggräfler e le numerose aziende vitivinicole di via Terzo di Mezzo per poi tornare a Marlengo in un percorso circolare. Lungo il sentiero sono collocati steli informative, con testi sulla storia del vino e la cultura vitivinicola, e oggetti per la viticoltura a grandezza naturale: il falcino per le viti, l’ammostatoio e la tradizionale “Pazeide”, un antichissimo recipiente per il vino e le misurazioni,installata sulla piazza centrale del paese.

    Centri culturali e teatri
    Astra
    Bressanone e dintorni
    Il centro culturale Astra ha riaperto al pubblico nell'ottobre 2019 dopo un lungo lavoro di ristrutturazione. Costruito nel 1936 come la Casa del Balilla dal duo di architetti Mansutti e Miozzo, divenne la GIL (Gioventù Italiana del Littorio) nel 1937. Dopo fasi di usi diversi, ha funzionato come cinema di lingua tedesca fino al 2011, quando è stato definitivamente chiuso. Ha aspettato qualche anno per il suo scopo, ed è ora il palcoscenico di molti eventi culturali e la sede principale del Bressanone Film Club.
    Chiese e abbazie
    Chiesa di Santa Croce - Convento di Sabiona
    Bressanone e dintorni

    Chiesa di Santa Croce La continuità del culto ha inizio con una chiesa paleocristiana successivamente rimaneggiata in romanico poi in gotico fino alla costruzione presente che risale al 1679. L'interno sorprende per i suoi dipinti virtuosi, probabilmente opera di un artista locale. La croce del maestro Leonardo di Bressanone si trova nell'abside.

    Giardini pubblici
    Parco sotto il ristorante Traubenwirt
    Merano e dintorni

    Ai piedi del ristorante Traubenwirt trova posto un parco pubblico che si propone a un tempo come zona ricreativa e terrazza panoramica su Merano. Alle tante panchine pensate per chi vuole crogiolarsi al sole si alternano i freschi coni d'ombra delle ampie fronde degli alberi.

    Luoghi da vedere
    Sequoie giganti
    Strada del Vino

    Una dozzina di alberi giganti, alti fino a 40 m, ornano il piccolo altipiano di Fennhals. Gli alberi sono stati piantati nel 1898 in occasione del 50. giubileo dell'incoronazione dell'Imperatore austriaco Francesco Giuseppe.

    Arrampicata indoor
    Salewa Cube palestra d'arrampicata
    Bolzano e dintorni

    Un nuovo punto di riferimento per Bolzano cittá alpina. Il movimento verticale è nel DNA di Salewa, ma anche di Bolzano: la struttura è un gioiello per i climber professionisti, ma anche per chi desidera lasciarsi appassionare da questo sport, anche per la prima volta. La palestra è la piú grande d'Italia con una specilitá tutta originale, cioé la sensazione, prodotta dalla particolare condizione climatica, di tovarsi all'aria aperta, ma con il vantaggio di essere al riparo dagli agenti climatici. Un mondo per l'arrampicata situato in cittá, aperto tutto l'anno e facilmente raggiungibile dagli immediati dintorni. La superficie a disposizione è di 2.000 metri quadri con 180 tracciati differenti (difficoltá da 4 a 8), percorsi veloci fino a 15 metri di altezza. É possibile noleggiare tutto il necessario e quindi decidere anche all'ultimo momento, senza grande programmazione, di tuffarsi nell'avventura.

     

    Ulteriori info

    Chiese e abbazie
    Chiesa di San Giorgio
    Merano e dintorni

    Degni di essere visti sono il bel portale e gli affreschi sulla facciata esterna. L’interno custodisce interessanti affreschi e dipinti del XV e XVI secolo. Ss. Messe in lingua tedesca: lunedì, martedì, mercoledì: ore 08.30 venerdì e sabato stagione invernale: ore 18.00 venerdì e sabato stagione estiva: ore 19.30 domenica: 8:30, 10:00 Kolping capella 1. giovedi del mese: 19:30

    Chiese e abbazie
    Chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta
    Merano e dintorni

    Menzionata in fonti storiche già nel 1166, la chiesa di Marlengo venne ristrutturata nel 1251 e ampliata verso il 1480, quando fu eretto il campanile, poi distrutto da un incendio che ne risparmiò solo il tetto a capanna inferiore. Parte dell'antica chiesa funge oggi da cappella ed è inclusa nella sacrestia. Degna di nota è la grande campana, Annamaria, risalente al 1847 e del peso di 3.163 kg. La nuova chiesa parrocchiale, dedicata a Santa Maria Assunta e consacrata nel 1901, presenta una struttura neogotica a tre navate costruita su progetto dell'architetto viennese Anton Weber. Speciale attenzione meritano l'altar maggiore, i mosaici, gli altari laterali, le sculture lignee e i quattro rilievi del presbiterio. L'organo pneumatico di Josef Behmann, restaurato nel 2002 e tutelato per il proprio valore artistico, data del 1911. La parrocchia di Marlengo, il cui scampanio ispirò a Franz Liszt la composizione "Ihr Glocken von Marling", ha una chiesa gemella, sua riproduzione, a Selsley, in Inghilterra.

    Chiese e abbazie
    Chiesa Santa Anna Villandro
    Bressanone e dintorni

    Nel 1726 venne inaugurata una piccola cappella per i minatori del monte Pfunderer. Dato che essa si rivelò da subito troppo piccola, si provvedette ad erigere già nel 1736 l'attuale costruzione barocca, con il coro e il piccolo campanile. Nel 1934 la chiesetta venne ampliata, nel 1964 subì saccheggi e devastazioni. Tale chiesa rappresentò per oltre 150 anni il centro religioso dei minatori. Fino alla prima guerra mondiale le celebrazioni liturgiche si tenevano una volta a settimana, prima di sabato, poi dal 1840 di martedì. La pala d'altare, di notevole valore storico-culturale, è una copia, l'originale si trova nella chiesa parrocchiale: raffigura i minatori al lavoro con intorno i loro santi protettori (S. Daniele, l'evangelista Giovanni, la Madonna con Bambino e sua madre, S. Anna, e infine anche la patrona dei minatori, Santa Barbara).

    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499