Vai ai contenuti
aggiunto ai preferiti
rimosso dai preferiti
Oops! C’è stato un problema, prova di nuovo
Il tuo account è in corso di creazione
Il tuo account è stato creato con successo e ora hai effettuato l'accesso.
Sei stato disconnesso
Filtra
Filtri selezionati
    Livello di difficoltà
    Durata
    Distanza in Km

    Esperienze da fare in Alto Adige

    Scopri tutte le esperienze in Alto Adige

    Risultati
    Ciclismo
    E-Bike Tour Monte Rota
    Dobbiaco, Regione dolomitica 3 Cime

    Il tour in e-bike di media difficoltà si svolge principalmente su strade asfaltate, ma anche su una strada forestale. Il tour offre una splendida vista sulla Val di Landro e sul Lago di Dobbiaco.

    Punti di ricarica:
    Dobbiaco centro paese

    Difficoltà: intermedio
    436 altitudine
    12.2 Km distanza
    Ciclismo
    Kaltern Bike Graveltour: Al lagosanto
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino

    Un tour impegnativo ed emozionante su strada sterrata che attraverso il “confine verde” dei boschi dell'Alto Adige porta in Trentino e più precisamente al Lago Santo. Sentieri forestali e boschivi si snodano attraverso una foresta misteriosa su terreno terroso e impongono una buona padronanza della gravel bike.

    È un tour che esige una buona dose di spirito d'avventura. Nella zona di confine tra l'Alto Adige e il Trentino, il bosco è avvolto da un fascino incantato e si ha la sensazione di non riuscire a venirne fuori. Ma il tour merita per diversi motivi. Per assaporarne la rilassante tranquillità, divertirsi pedalando sui sentieri in parte terrosi e per la meta che vale comunque una gita: l'idilliaco "Lago Santo". All'andata, il percorso conduce rapidamente sopra al Lago di Caldaro, scendendo nella Valle dell'Adige. Ad Ora inizia la salita sul versante orientale della valle, con il percorso lungo il vecchio tracciato della ferrovia della Val di Fiemme che assicura fantastici panorami sul sud dell'Alto Adige. Raggiunte le ultime frazioni, si sfugge alla civiltà e si sale fino a sella di Caprile su strade forestali. Dopo una breve discesa, si raggiunge la piccola frazione di Caprile a 1000 metri sopra la Valle dell'Adige, ultimo piccolo avamposto dell'Alto Adige prima del confine con il Trentino. Ora, su sentieri a fondo terroso, il percorso si addentra in un bosco selvaggio e, attraverso sentieri di terra, raggiunge il Lago Santo.

    Ma l'avventura non è ancora finita. Una discesa a tutta velocità vi riporterà a Salorno sulle rive dell'Adige. La pista ciclabile lungo il fiume è la via più veloce per tornare al Lago di Caldaro, dove fermarsi a Campi al lago per un tuffo o fare uno spuntino. L'anello è completo solo dopo aver affrontato gli ultimi 200 metri di dislivello fino all’abitato di Caldaro. Lungo il percorso si incontrano alcuni punti di ristoro, ad esempio l'Albergo Lago Santo e altri a Salorno. Anche Egna merita una deviazione. La pista ciclabile passa proprio qui.

    Varianti: l'itinerario può essere percorso anche al contrario, ma in questo caso si devono affrontare alcune ripide salite da Salorno al Lago Santo.

    Difficoltà: facile
    1871 altitudine
    83.2 Km distanza
    Ciclismo
    MTB Tour Monte Rota (044)
    Dobbiaco, Regione dolomitica 3 Cime

    Il tour di media difficoltà si svolge principalmente su strade asfaltate, ma anche su una strada forestale. Il tour offre una splendida vista sulla Val di Landro e sul Lago di Dobbiaco.

    Difficoltà: facile
    435 altitudine
    12.2 Km distanza
    Ciclismo
    Mountainbike-Tour II - Corno del Renon
    Renon, Bolzano e dintorni
    Sempre su ampi sentieri forestali e alpini, si raggiunge Riggermoos, Tann e Pemmern. Da lì, la strada chiusa al traffico conduce a Rosswagen e, attraverso boschi di pini cembri, a Schönalm e lungo il bellissimo sentiero alpino fino alla cima del Corno del Renon a 2.260 m, dove si apre una vista panoramica unica.
    Difficoltà: facile
    1216 altitudine
    33.6 Km distanza
    Ciclismo
    Giro in bici al Lago di Caldaro
    Terlano, Strada del Vino

    Percorriamo la pista ciclabile dell'Adige da Terlano in direzione Bolzano fino alla stazione dei treni di Ponte Adige. Qui prendiamo la strada principale, attraversiamo il ponte dell'Adige a destra e poi continuiamo verso Cornaiano. Dopo una breve risalita si ritorna sulla pista ciclabile, che in moderata pendenza e con una stupenda vista sulla Val d'Adige porta al paese di San Michele / Appiano. Qui restiamo sempre sulla pista ciclabile e proseguiamo fino al paese di Caldaro, dove arriviamo alla “Cantina Nuova”. Lì dobbiamo tornare indietro per un breve tratto e poi scendere a destra attraverso i frutteti nella valle di Lavason. Scendiamo e ci godiamo la splendida vista sul Lago di Caldaro. Al bivio per Caldaro rimaniamo a sinistra in direzione Klughammer. Ecco il lago alla nostra destra. Proseguiamo per Gmund e, superate alcune case, giriamo a destra, sottopassiamo l'autostrada, attraversiamo il ponte e svoltiamo subito a sinistra sulla ciclabile in direzione Bolzano. Lungo l'Adige si va fino a Bolzano Sud, dove si svolta a sinistra in direzione Ponte Adige e Terlano.

    Difficoltà: facile
    355 altitudine
    52.6 Km distanza
    Ciclismo
    E-Bike Tour Dobbiaco - Cortina
    Dobbiaco, Regione dolomitica 3 Cime

    Qui, il panorama montano delle Dolimiti Patrimonio mondiale UNESCO domina il paesaggio. Da Dobbiaco a Cortina il percorso segue la vecchia linea ferroviaria dell´Alta Pusteria attraverso la Valle di Landro e passa per due laghi e la Vista Tre Cime/Landro.

    Da Cortina di ritorno a Dobbiaco ci sono organizzati  autobus con rimorchio bici della compagnia Cortina Express (solo in stagione).

    Punti di ricarica:
    Dobbiaco centro paese
    Hotel Tre Cime
    Hotel Union
    Mondolatte Tre Cime

     

     

    Difficoltà: intermedio
    563 altitudine
    30.7 Km distanza
    Ciclismo
    Giro in bicicletta da Terlano a Lana
    Terlano, Strada del Vino

    Questo itinerario ha poco dislivello ed è adatto a tutti. All'andata si trovano tre piazzole di sosta prima di Vilpiano e nelle vicinanze delle stazioni ferroviarie di Gargazzone e di Lana.
    Mete di particolare interesse:
    - L'altare di Schnatterpeck nella chiesa parrocchiale di Lana di Sotto (visitabile solo ad orari prestabiliti con guida).
    - Il museo della frutticoltura, Via Brandis 4, Lana (da lunedì a sabato, in giugno chiuso anche il sabato).

    Difficoltà: facile
    93 altitudine
    30.9 Km distanza
    Ciclismo
    Percorsi ciclabili | Da Lana a San Leonardo in Passiria
    Lana, Merano e dintorni

    Partite dall’Ufficio del Turismo a Lana in Via Andreas-Hofer per raggiungere Piazza Tribus. Da qui girate a sinistra per raggiungere il ponte Valsura. Seguite l’indicazione per Merano (destra) fino ad attraversare il ponte sopra la superstrada MEBO. Percorrete la ciclabile in direzione Merano.

    All’altezza della latteria sociale di Merano, attraversate la strada e percorrete la Via della Cava, alla fine della strada a sinistra in Via Castel Gatto. All’incrocio girate a sinistra in Via Dante Alighieri e percorrete la strada fino alla Piazza della Fontana a Maia Alta. Attraversate la piazza e andate diritti in Via Virgilio. Svoltate a sinistra in Via San Giorgio e alla fine della via girate a destra. Dopo ca. 100 m imboccate sulla destra la ciclabile per la Val Passiria.

    Percorrete la ciclabile per 18 km fino a San Leonardo (arrivo). Per il ritorno percorrete la ciclabile in direzione Merano. Alla fine della ciclabile della Val Passiria seguite la segnaletica per Merano Centro e percorrete la Passeggiata d’Estate fino al Parco Elisabetta. Attraversate la strada e pedalate lungo il fiume Passirio fino alle Terme di Merano.

    Dopodiché girate a destra e attraversate il ponte in direzione Piazza Teatro. Svoltate a sinistra in Via Carducci e percorretela fino all’incrocio. Svoltate nuovamente a sinistra e seguite la segnaletica della ciclabile per Bolzano. Proseguite fino all’uscita di Lana e tornate al punto di partenza.

    Attrazioni lungo il percorso: i giardini di Castel Trauttmansdorff, Museo Passiria, Parco Elisabetta a Merano, le Terme di Merano

    Difficoltà: facile
    0 altitudine
    60.1 Km distanza
    Ciclismo
    Giro della Bassa Atesina
    Ora, Strada del Vino

    Visitate la Bassa Atesina in un' escursione ciclistica per la idillica Strada del Vino. I pittoreschi portici di Egna, il tranquillo paesino di Cortaccia e il romantico centro storico di Termeno vi aspettano!

     

    Difficoltà: facile
    273 altitudine
    25.3 Km distanza
    Ciclismo
    Percorsi ciclabili | Da Lana alla piscina naturale di Gargazzone
    Lana, Merano e dintorni

    Inizia in Via Andreas Hofer presso l’Associazione turistica di Lana e si reca verso Piazza Tribus. Lì volta a destra in Via Pascolo, e all’incrocio a sinistra in Via Vecchia Dogana. Segua le indicazioni per Bolzano (a sinistra). Attraversa l’autostrada MEBO e il fiume Adige e prosegue sulla pista ciclabile Bolzano-Merano in direzione di Bolzano.

    A Gargazzone gira a sinistra, raggiungendo attraverso un sottopassaggio la piscina naturale. Tramite lo stesso percorso raggiunge il punto di partenza. La piscina naturale di Gargazzone offre un paesaggio d’acqua naturale, e riguardo alla depurazione dell’acqua, fa completamente a meno degli additivi chimici. Il segreto dell’acqua naturale, pulita, sta nelle piante.

    Orari d’apertura piscina naturale di Gargazzone: da fine maggio fino a inizio settembre ogni giorno dalle ore 10.00 alle 19.00. Apertura serale: martedì e venerdì fino alle ore 20.00 (metà giugno a fine agosto)

    Cose da vedere lungo il percorso: Locomotiva elettrica Lana Postal

    Difficoltà: facile
    0 altitudine
    16.2 Km distanza
    Ciclismo
    Kaltern Bike Graveltour: "Gfriller Sattel"
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino

    Impegnativo tour su sterrato che dalle rive dell'Adige attraverso una salita impervia conduce a Passo Cauria. Il tracciato attraversa la Valle dell'Adige fino a Salorno, al confine con il Trentino, per poi scomparire in un ameno bosco dietro le pareti rocciose che bruscamente delimitano la Valle dell'Adige sul lato orientale.

    La partenza servirà al riscaldamento muscolare. Da Caldaro si scende rapidamente verso l’omonimo lago dalla cui sponda meridionale si raggiunge la pista ciclabile della Valle dell'Adige. Qui si segue il fiume per altri 10 chilometri sperando nel vento in poppa e presto si arriva a Salorno, la località più a sud della provincia. Poco prima del paese, un sentiero forestale devia sulla strada che sale a Cauria, tranquilla frazione a 1000 metri di altitudine. È la salita decisiva di questo tour perché per arrivare a Passo Cauria si affrontano altri 200 metri di dislivello su sentieri forestali con una pendenza media del 10%. Dall'altra parte, si scende per 400 metri su fondo sterrato nel bosco fino a Casignano. Qui vale la pena fare una breve deviazione (un chilometro all'andata e uno al ritorno) per raggiungere il punto panoramico Kanzel con vista spettacolare sulla valle dell'Adige. Da Casignano, la strada per Molini si inoltra nella valle, dove il torrente Trodena scende ripido nella valle dell'Adige. Tuttavia, ora lo si segue in salita fino al villaggio di Trodena affrontando altri 300 metri di dislivello sulla stradina di valle. La discesa da Trodena alla Valle dell'Adige sfodera i punti di forza di questo tour. Inizialmente la vecchia linea ferroviaria della Ferrovia della Val di Fiemme scende su ghiaia fino a Montagna. Attenzione! Entrando nelle gallerie non spaventatevi: le luci verranno attivate automaticamente dai rilevatori di movimento. Dopo l'ultima galleria, il paesaggio si apre offrendo una vista sublime sulla Valle dell'Adige, in particolare sul viadotto di Pinzano, un ponte ad anello con il quale gli ingegneri hanno elegantemente evitato il necessario "tornante" della ferrovia in questo tratto un po' più ripido. Poi è la volta del leggendario biotopo di Castelfeder, antico luogo di culto che spicca nell'ambiente circostante. Stravaganti formazioni rocciose e gigantesche pietre scolpite dal ghiacciaio definiscono un paesaggio collinare romantico e selvaggio che, ancora oggi, esercita un'attrazione magica.  Castelfeder è avvolto da miti e leggende. I cosiddetti "Kuchelen" localizzati in cima alla collina, sono i resti di una cerchia muraria medievale. Qui vale la pena fare una pausa per riposare un po' e ritemprarsi perché per tornare al centro di Caldaro. Passando per il lago restano da affrontare altri 200 metri di dislivello.

    Varianti: si può salire a Cauria/Gfrill partendo dal centro di Salorno abbinando una visita del paese, ma in questo caso la strada diventa più lunga. Se invece volete prendere una scorciatoia, seguite il torrente Trodena in discesa partendo da Molini e ricongiungetevi al piccolo borgo di Casignano prima del viadotto.

    Difficoltà: facile
    1868 altitudine
    80.0 Km distanza
    Ciclismo
    Dragon Trail
    Brunico, Regione dolomitica Plan de Corones
    Novità nel Bike Park Kronplatz dell'estate 2022 è il "Dragon Trail": il percorso, lungo oltre 2 chilometri, si snoda dalla vetta alla stazione intermedia dell'impianto di risalita Olang 1+2. Il highlight è sicuramente l'attraversamento della Testa del Drago e della Coda del Drago, da cui si gode contemporaneamente di un meraviglioso panorama sulle Dolomiti circostanti.
    Difficoltà: facile
    5 altitudine
    2.0 Km distanza
    Ciclismo
    Kaltern Bike MTB-Tour: Rosszähne
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Una breve avventura dal Lago di Caldaro nella foresta  tra la sponda orientale e la Valle dell'Adige. A sud del Castelchiaro, sentieri incantati conducono alle Rosszähnen, una formazione rocciosa sopra il fiume Adige.
    Difficoltà: facile
    588 altitudine
    18.1 Km distanza
    Ciclismo
    Percorso panoramico
    Valdaora, Regione dolomitica Plan de Corones
    Il percorso panoramico si trova direttamente sulla pista ciclabile della Val Pusteria. La pista ciclabile segue il corso del fiume Rienza e collega San Candido, attraverso Valdaora, con Brunico e la Valle Isarco.
    Difficoltà: facile
    180 altitudine
    6.1 Km distanza
    Ciclismo
    Mountainbiketour Bärental
    Valle Aurina, Valle Aurina
    Mountainbiketour nella bellissima Valle dell'Orso passando a tre malghe tradizionali a San Giacomo.
    Difficoltà: facile
    752 altitudine
    6.6 Km distanza
    Ciclismo
    Kaltern Bike Graveltour: Giro di Caldaro
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino

    Monte Regolo è un altopiano situato sulla sponda orientale dell'Adige. Salendo a Nova Ponente da Laives, si arriva nella zona delle malghe. Le aree di ristoro sono tante, troppe per fermarsi ad ognuna durante questo giro lungo e impegnativo.

    Questo tour è un'esplorazione impegnativa nella parte orientale della Valle dell'Adige, ai piedi delle Dolomiti. La zona delle malghe su Monte Regolo, tra Nova Ponente e Aldino, si estende come un tappeto davanti al Latemar, il massiccio dolomitico più vicino a Caldaro, la cui vetta più imponente si staglia nel cielo toccando i 2.842 metri. Ma per avvicinarsi bisogna pedalare molto. Il primo ostacolo è il Monte di Mezzo. Dopo averlo superato, la piccola strada di valico di Novale al Varco porta nella valle dell'Adige. Qualche chilometro più avanti, a Laives, la valle Brantental indica la strada da seguire. All'estremità superiore, su un altopiano, si trova Nova Ponente. C'è un sentiero che sale fino al fondovalle, ma i percorsi movimentati che solcano il versante settentrionale della valle sono più belli e conducono a Nova Ponente altrettanto rapidamente, ma offrendo uno scenario più suggestivo. Il tratto ripido è ormai superato, ora la salita si alterna alla discesa. Il percorso è bello e variegato intervallato da rifugi distanti pochi chilometri uno dall’altro in cui fermarsi: Malga Laab, Malga Capanna Nuova, Malga Schmieder o Malga Schönrast sono un chiaro invito a prolungare la sosta. Ma restano ancora alcuni chilometri da affrontare. Inizialmente il percorso scende in Val d'Adige. Ma visto che i sentieri che da Monte Regolo portano a valle sono tutti molto ripidi, adatti al massimo per delle escursioni a piedi, è necessario fare un po' di strada per raggiungere la vecchia linea ferroviaria della Val di Fiemme, che all’altezza di Montagna si snoda in leggera pendenza. Questo tratto ha molto da offrire anche in termini paesaggistici: prima la vista aperta sulla valle, poi il terreno collinare incontaminato del biotopo di Castelfeder, mistico luogo di culto risalente all’epoca medievale. Arrivati a Ora, dopo aver attraversato l'Adige, si raggiunge rapidamente il Lago di Caldaro. In estate è quasi d’obbligo fermarsi a Campi al lago per una nuotata rinfrescante prima di affrontare gli ultimi 200 metri di dislivello dal lago al centro di Caldaro.

    Difficoltà: facile
    840 altitudine
    35.0 Km distanza
    Ciclismo
    Percorsi ciclabili | Da Lana verso Val Martello
    Lana, Merano e dintorni

    Partite dall’ufficio turistico di Lana in via Andreas-Hofer per raggiungere piazza Tribus. Qui svoltate a sinistra in via St. Agata e percorrete questa via fino alla fine. Svoltate a destra e attraversate il ponte sull’Adige presso la superstrada MEBO. Proseguite verso destra in direzione della ciclabile Val D’Adige e poi ancora a destra in direzione Merano. A Sinigo svoltate a sinistra (indicazione per la Val Venosta) e seguite la segnaletica bianco/verde.

    Passate l’ippodromo a Maia Bassa, svoltate a destra e seguite ancora le indicazioni per la Val Venosta (attenzione: nella zona urbana di Merano la segnaletica è verde). Proseguite lungo la riva destra del fiume Adige fino a Lagundo. Dalla piscina in poi inizierà la salita verso la località Tel. Sia all’inizio, che alla fine della salita, troverete piazzole di sosta con acqua potabile. Proseguite per Tel, dove attraverserete la strada principale. Svoltate a destra e seguite la ciclabile fino a Naturno e vicino il fiume per circa 3 km verso Stava.

    Attraversate nuovamente il fiume. Al bivio della ciclabile Passo Resia svoltate a destra e proseguite lungo la via fino a quando avrete attraversato il fiume. In seguito svoltate a sinistra verso la ciclabile e proseguite fino a Coldrano passando l’omonimo lago. Alla fine della ciclabile girate a sinistra verso la Val Martello. Proseguite sulla strada statale fino a raggiungere la chiesetta di S. Maria alla Fonderia. Il percorso può essere allungato raggiungendo il lago di Gioveretto che dista circa 8 km. (quota 1850 m. s.l.m. – salita con pendenza del 20%).

    Attrazioni lungo il percorso: Diga in località Tel, Chiesetta di S. Procolo a Naturno, Culturamartell (Parco Nazionale dello Stelvio)

    Difficoltà: difficile
    0 altitudine
    113.3 Km distanza
    Ciclismo
    Mountianbike-Tour I Soprabolzano-Corno del Renon
    Renon, Bolzano e dintorni

    Da Soprabolzano al Monte del Lago Nero e al Corno del Renon
    Dalla stazione a monte della funivia del Renon a Soprabolzano si sale attraversando boschi e prati fino a Tre Vie. Con la cabinovia si raggiunge il Monte del Lago Nero (2.069 m). Suggestivi scorci e grandi panorami ci accompagnano sulla stradina, che sale sul Corno del Renon a 2.260m con il ononimo rifugio. 
    Questo itinerario in MTB parte da Soprabolzano presso la stazione a monte della funivia del Renon (1.221 m) e segue la stradina asfaltata in direzione ovest (cartello e segnavia n. 2). Al bivio presso i negozi si sale fino a Zagglermoos e a sinistra attraverso la piccola zona commerciale fino all'inizio del "sentiero selvaggio delle meraviglie". Qui si imbocca la stradina denominate “Via della Diga” alla sinistra (sul sentiero escursionistico per famiglie la bici viene spinta a mano) fino al maso "Lobis". Ora si prosegue lungo la mulattiera (segnavia 18 A) fino al maso "Bacherle" e maso "Moser" fino all’innesto con la strada provincial SP 135 (prestare attenzione all'incrocio). Qui girate a destra e seguite la strada per circa 100 m fino alla fermata dell'autobus di Riggermoos. Attraversate ora la strada a sinistra e pedalate in leggera salita (segnavia n. 6) attraversando la selva "Gunggelwald" fino alla Tann. Presso la fermata dell'autobus "Tann", seguite la strada poco trafficata o il sentiero pedonale che la fiancheggia (segnavia n. 1) la strada fino al parcheggio e la stazione della cabinovia a Pemmern. La cabinovia, la quale trasporta anche biciclette, supera circa 500 metri di dislivello fino al Monte del Lago Nero. Qui si apre un magnifico panorama, dalle Dolomiti occidentali, ai gruppi del Brenta e dell'Ortles, fino alle Alpi Venoste.
    Da qui si segue la mulattiera (segnavia n. 19) pianeggiante fino all’incrocio con il sentiero n. 1, che porta ai rifugi "Unterhorn" e "Feltuner". La stradina sterrata (segnavia n. 2) prosegue fino a un cancello (utilizzare la grata per ciclisti - tenere chiuso il cancello!) e presso il bivio successivo mantenete la destra (oltrepassando un’altro cancello) fino al bivio nei pressi di un’ovile. Qui si segue il la stradina che porta all’antenna parabolica sulla cima del Corno del Renon con l’ononimo rifugio a quota 2.260 m, il punto più alto dell’itinerario.
    La discesa segue il percorso di salita. Prego viaggiate con velocità moderata e rispettosa verso gli altri. 

    Difficoltà: facile
    681 altitudine
    28.9 Km distanza
    Ciclismo
    Kaltern Bike Graveltour: Regglberg "Almrunde"
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino

    Questo tour è un'esplorazione impegnativa nella parte orientale della Valle dell'Adige, ai piedi delle Dolomiti. La zona delle malghe su Monte Regolo, tra Nova Ponente e Aldino, si estende come un tappeto davanti al Latemar, il massiccio dolomitico più vicino a Caldaro, la cui vetta più imponente si staglia nel cielo toccando i 2.842 metri. Ma per avvicinarsi bisogna pedalare molto. Il primo ostacolo è il Monte di Mezzo. Dopo averlo superato, la piccola strada di valico di Novale al Varco porta nella valle dell'Adige. Dopo qualche chilometro pianeggiante, a Laives, la valle Brantental indica la strada da seguire. All'estremità superiore, su un altopiano, si trova Nova Ponente. C'è un sentiero che sale fino al fondovalle, ma i percorsi movimentati che solcano il versante settentrionale della valle sono più belli e conducono a Nova Ponente altrettanto rapidamente, ma offrendo uno scenario più suggestivo. Il tratto ripido è ormai superato, ora la salita si alterna alla discesa. Il percorso è bello e variegato intervallato da rifugi distanti pochi chilometri uno dall’altro in cui fermarsi: Malga Laab, Malga Capanna Nuova, Malga Schmieder o Malga Schönrast sono un chiaro invito a prolungare la sosta. Ma restano ancora alcuni chilometri da affrontare. Inizialmente il percorso scende in Val d'Adige. Ma visto che i sentieri che da Monte Regolo portano a valle sono tutti molto ripidi, adatti al massimo per delle escursioni a piedi, è necessario fare un po' di strada per raggiungere la vecchia linea ferroviaria della Val di Fiemme, che all’altezza di Montagna si snoda in leggera pendenza. Questo tratto ha molto da offrire anche in termini paesaggistici: prima la vista aperta sulla valle, poi il terreno collinare incontaminato del biotopo di Castelfeder, mistico luogo di culto risalente all’epoca medievale. Arrivati a Ora, dopo aver attraversato l'Adige, si raggiunge rapidamente il Lago di Caldaro. In estate è quasi d’obbligo fermarsi a Campi al lago per una nuotata rinfrescante prima di affrontare gli ultimi 200 metri di dislivello dal lago al centro di Caldaro.

    Difficoltà: facile
    1936 altitudine
    76.2 Km distanza
    Ciclismo
    Gassl Trail
    Valdaora, Regione dolomitica Plan de Corones
    L'inizio del tracciato è facilmente agevole. Da Valdaora di Mezzo sono solo 3 chilometri fino alla funivia Valdaora I+II a Gassl  e in circa 20 minuti, salendo 1100 metri di altitudine, si arriva direttamente fino alla partenza.
    Difficoltà: facile
    90 altitudine
    6.5 Km distanza
    Ciclismo
    Percorsi ciclabili | Sulla tracce della ferrovia
    Lana, Merano e dintorni

    Partite dall’Ufficio turistico a Lana in Via Andreas-Hofer per raggiungere Piazza Tribus. Da qui girate a sinistra e raggiungete il Ponte Valsura. Seguite l’indicazione per Merano (destra) fino ad attraversare il ponte nei pressi della superstrada MEBO. Percorrete la ciclabile in direzione Merano. A Sinigo seguite la segnaletica per la Val Venosta. Passate l’ippodromo di Merano e girate a destra. Seguite ancora la segnaletica per la Val Venosta (attenzione: nella zona urbana la segnaletica è verde).

    Costeggiate il fiume a destra dell’Adige fino a Lagundo. All’altezza del Lido inizia la salita verso la località Tel. Sia all’inizio, che alla fine della salita, troverete una piazzola di sosta (fontana con acqua potabile). Alla fine della salita troverete uno splendido panorama che vi ripagherà di tutte le fatiche! Proseguendo verso Tel, attraversate la strada principale e girate a destra. Seguite la ciclabile fino a Naturno, passando davanti al parco giochi pubblico. A questo punto attraversate il fiume e proseguite per circa 2 km verso la ferrovia del divertimento che raggiungerete attraversando un sottopassaggio. (Attenzione: la ferrovia del divertimento è aperta ogni domenica dalle ore 14.00 alle ore 18.00, da maggio fino ad ottobre).

    Al ritorno percorrete la stessa strada fino a Sinigo, da lì si prosegue in direzione Bolzano. Poco dopo l’uscita di Lana, a destra nell’area di sosta è collocata una vecchia locomotiva restaurata. Potrete terminare il percorso fermandovi e rinfrescandovi al Lido di Lana.

    Attrazioni lungo il percorso: diga di sbarramento in località Tel, la Chiesa di S. Procolo a Naturno, il museo Mondo Treno a Rablà (orario di apertura: mar – dom ore 10:00 – 17:00).

    Difficoltà: intermedio
    0 altitudine
    60.1 Km distanza
    Ciclismo
    Mountainbike-Tour III Soprabolzano - Sella dei Sentieri
    Renon, Bolzano e dintorni
    Questo tour in MTB parte da Soprabolzano presso la stazione a monte della funivia del Renon e segue la strada in direzione ovest (cartello e segnavia n. 2), al bivio presso i negozi in leggera salita fino a Zagglermoos e a sinistra attraverso la piccola zona commerciale fino all'inizio del sentiero delle meravigle. Qui si svolta a sinistra nel sentiero (il sentiero escursionistico familiare n. 16 è un sentiero di spinta per i ciclisti) fino al "Lobishof". Proseguite lungo l'ampio sentiero escursionistico (segnavia n. 18A) fino alla "Bacherle", superate il "Moserhof" fino alla strada di campagna (fate attenzione all'incrocio). Qui svoltate a destra e seguite la strada per circa 100 m fino alla fermata dell'autobus di Riggermoos. Attraversate ora la strada a sinistra e camminate in moderata pendenza (segnavia n. 6) attraverso il rado bosco "Gunggelwald" fino al Tann. Alla fermata dell'autobus "Tann", seguite la strada poco trafficata o il sentiero pedonale laterale (segnavia n. 1) fino a Pemmern. Al parcheggio collettivo della stazione a valle della ferrovia di montagna, seguire la strada comunale chiusa al traffico (segnavia n. 7) fino alla Rosswagen e svoltare a destra nel bosco. Alla barriera inizia il sentiero delle malghe (segnavia n. 4), che conduce in modo piuttosto ripido alla "Schön Alm". Qui si apre un magnifico panorama, dalle Dolomiti occidentali, ai gruppi del Brenta e dell'Ortles, fino alle Alpi Venoste. Il sentiero alpino sale ora dolcemente verso i rifugi "Unterhorn" e "Feltuner". Al rifugio Feltuner si sale (chiudere il cancello della recinzione - bestiame al pascolo!). Al successivo bivio del sentiero, mantenete la destra (un altro cancello di recinzione) fino a raggiungere il bivio del sentiero sotto una stalla per pecore. Qui si gira a sinistra e si aggira la cima del Corno del Renon. Su bei sentieri larghi si supera il terreno ondulato della malga Rittner Alm con i suoi suggestivi muri di pietra fino a raggiungere il bivio di "Tramis". Presto si raggiunge la Gasteiger Sattel, meta del tour. La discesa segue il percorso di salita. Si prega di mantenere un ritmo rispettoso.
    Difficoltà: facile
    1200 altitudine
    36.9 Km distanza
    Ciclismo
    Ciclabile dell'Adige sulla Via Claudia Augusta da Naturno a Nalles
    Tesimo, Merano e dintorni

    La Ciclabile dell'Adige lungo la Via Claudia Augusta è caratterizzata da un susseguirsi di paesaggi diversi tra loro: la Val d’Adige da Resia, attraverso la Val Venosta, il Burgraviato e l’Oltradige, passando per Merano e Bolzano verso Caldaro. Ecco la tappa da Stava, vicino a Naturno fino a Nalles.  Sono zone ideali da scoprire in bicicletta. L’ampio fondovalle offre itinerari adatti alle famiglie. Poco impegnativo il percorso porta da Naturno a Merano e poi verso sud fino a Nalles.

    https://maps.merano-suedtirol.it/it/etschradroute

    Difficoltà: facile
    279 altitudine
    34 Km distanza
    Ciclismo
    Percorsi ciclabili | Da Lana al lago di Caldaro
    Lana, Merano e dintorni

    Partite dall'ufficio turistico di Lana in Via Andreas Hofer e raggiungete piazza Tribus, qui girate a destra in via Pascolo. All'incrocio, svoltate a sinistra in via Dogana. Seguite la segnaletica per Bolzano (sinistra). Attraversate la superstrada MEBO e il fiume Adige e procedete sulla ciclabile Bolzano-Merano in direzione Bolzano.

    Giunti a Firmiano, seguite la segnaletica per Appiano. Passate il castello di Firmiano e svoltate a destra sulla ciclabile a Caldaro (nelle vicinanze delle cantine vinicole) percorrete la strada principale fino all'incrocio Klughammer-ciclabile Ora. Attraverso i vigneti raggiungerete il lago di Caldaro.

    Alla fine di un viale alberato svoltate a destra e proseguite sulla strada "Kalterer Moos" fino alla rotonda. Prendete la terza uscita, attraversate il Ponte sopra il fiume Adige e proseguite sulla ciclabile Bolzano-Trento per circa 16 km in direzione Bolzano. Arrivati all'incrocio in direzione Oltradige, imboccate la ciclabile Bolzano-Merano. Percorrete la ciclabile fino a raggiungere il punto di partenza.

    Attrazioni lungo il percorso: Locomotiva elettrica Lana Postal, Museo del Vino a Caldaro, MMM a Castel Firmiano, biotopo al lago di Caldaro.

    Difficoltà: intermedio
    0 altitudine
    81.8 Km distanza
    Ciclismo
    Percorsi ciclabili | Da Lana a Meltina via Terlano
    Lana, Merano e dintorni

    L'escursione ha inizio in via Andreas Hofer, presso l'ufficio turistico di Lana. Da qui, ci si porta innanzitutto su piazza Tribus, dove si gira a destra in via Pascolo e più avanti a sinistra in via Dogana. Seguendo le indicazioni per Bolzano, si attraversano la superstrada MeBo e il fiume Adige e si imbocca la ciclabile Bolzano-Merano in direzione Bolzano.

    Giunti alle porte di Terlano, si svolta a sinistra, si oltrepassa il passaggio a livello e si prosegue sulla destra verso il centro del paese. Oltre la rotonda, si piega a sinistra accanto alla Casa della Mela verso Meltina. Un tornante dopo l'altro, si raggiungono le frazioni di Frassineto e Vallesina, e infine Meltina.

    Superata una ripida salita, si gira a sinistra in via Schlaneider e, all'incrocio con Paradeis, ancora a sinistra su via Aschlerbach, che si immette in via Verano. Si prosegue fino ad Avelengo, avendo cura di indossare il giubbotto o le bretelle rifrangenti prima di entrare nel primo tunnel. Comincia, dunque, la discesa verso Merano. Dopo numerosi tornanti, si arriva a Maia Alta. Alla rotonda, si continua verso Sinigo e si passa davanti ai Giardini di Castel Trauttmansdorff. Arrivati a Sinigo, si infila la ciclabile in direzione Bolzano, là si abbandona in corrispondenza del ponte di Postal e si torna al punto di partenza.

    Attenzione: l'itinerario attraversa alcuni tunnel in cui è necessario indossare il giubbotto rifrangente.

    Difficoltà: intermedio
    0 altitudine
    68.5 Km distanza
    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499