Vai ai contenuti
aggiunto ai preferiti
rimosso dai preferiti
Oops! C’è stato un problema, prova di nuovo
Il tuo account è in corso di creazione
Il tuo account è stato creato con successo e ora hai effettuato l'accesso.
Sei stato disconnesso
Filtra
Filtri selezionati
    Livello di difficoltà
    Durata
    Distanza in Km

    Esperienze da fare in Alto Adige

    Scopri tutte le esperienze in Alto Adige

    Risultati
    Vie Ferrate
    Via ferrata: Dolomiti senza confini - tappa 4 – Rif. Comici - Rif. Prati di Croda Rossa/Rif. Rudi
    Sesto, Regione dolomitica 3 Cime

    “DOLOMITI SENZA CONFINI” Il progetto è nato dal sogno che le Dolomiti non siano più una barriera ma un luogo d'incontro e amicizia. E' un Alta Via che collega ben 12 percorsi attrezzati di elevato valore alpinistico e storico che si sviluppano a cavallo tra l'Italia e l'Austria, tra il Cadore e la Pusteria dalle Tre Cime di Lavaredo alla Val del Gail. La “Dolomiti senza Confini” infatti consente di attraversare luoghi significativi della Grande Guerra con trincee e gallerie. Un percorso di pace sui luoghi della guerra. Una grande Alta Via dove gli appassionati di montagna di qualsiasi nazionalità possono incontrarsi per coltivare quell’amicizia che su queste montagne fiorisce più in fretta, ha i colori dell’arcobaleno e profuma di futuro.

    Difficoltà: intermedio
    600 altitudine
    7h:00 min durata
    Escursioni
    Piccola Punta di Montecroce
    San Leonardo in Passiria, Vipiteno e dintorni

    Da Vallettina si sale sul sentiero n. 12 lungo il bosco e quindi per i prati abbastanza ripidi alla Malga (ristoro) “Klamm” (1925m). Attraverso prati alpini si arriva fino alla base della cima, dove si sale per il sentiero roccioso sulla Piccola Punta di Montecroce. Cresta esposta, necessità di passo sicuro. Si ritorna sulla via dell'andata.

    Difficoltà: intermedio
    1032 altitudine
    3h:51 min durata
    Escursioni
    Kaseregg-Rifugio S. Croce di Lazfons
    Chiusa, Bressanone e dintorni

    Dal parcheggio Kaseregg ci incamminiamo sul sentiero n. 15 che passa accanto al Caseificio Jochalm e porta, dopo 1 km ca., ad un bivio. Teniamo la destra e proseguiamo sul sentiero n. 15B fino alla cosiddetta Stange. A questo punto svoltiamo a sinistra e seguiamo il segnavia 15A e più avanti il sentiero 1 fino alla Croce di Lazfons. Per il ritorno prendiamo il sentiero n. 15 all’altezza del Kesslbild che ci riporta al parcheggio Kaseregg.

    Difficoltà: intermedio
    0 altitudine
    1h:30 min durata
    Vie Ferrate
    Via ferrata: Dolomiti senza confini - tappa 8 - RIF. Porzehütte - RIF. Filmoor/Stand-schützenhütte
    Sesto, Regione dolomitica 3 Cime

    “DOLOMITI SENZA CONFINI” Il progetto è nato dal sogno che le Dolomiti non siano più una barriera ma un luogo d'incontro e amicizia. E' un Alta Via che collega ben 12 percorsi attrezzati di elevato valore alpinistico e storico che si sviluppano a cavallo tra l'Italia e l'Austria, tra il Cadore e la Pusteria dalle Tre Cime di Lavaredo alla Val del Gail. La “Dolomiti senza Confini” infatti consente di attraversare luoghi significativi della Grande Guerra con trincee e gallerie. Un percorso di pace sui luoghi della guerra. Una grande Alta Via dove gli appassionati di montagna di qualsiasi nazionalità possono incontrarsi per coltivare quell’amicizia che su queste montagne fiorisce più in fretta, ha i colori dell’arcobaleno e profuma di futuro.

    Difficoltà: intermedio
    1050 altitudine
    7h:00 min durata
    Vie Ferrate
    Ferrata "Stuller Wasserfall"
    Moso in Passiria, Merano e dintorni

    La via ferrata „Stuller Wasserfall“ è una salita di difficoltà media con una variante molto difficile nella parte centrale, che può anche essere aggirata. La salita ripida ed esposta percorre un’ambiente mozzafiato nelle immediate vicinanze della cascata strepitosa.

    342 metri è l‘altezza totale della “StullerWasserfall” composta da due singole cascate essendo così la terza più alta d‘Europa.

    A circa due terzi del percorso c‘è la possibilità di interrompere la salita e prendere un sentiero per Stulles o scendere a Moso.

    L‘ultima sezione della via ferrata può anche essere intrapresa come piccola scalata individuale con accesso da Stulles tramite detto sentiero.

    Le varianti V1(E) e V2(F) sono estremamente difficili e fortemente strapiombanti in molti passaggi!

    Difficoltà: difficile
    500 altitudine
    4h:00 min durata
    Vie Ferrate
    Via ferrata: Strada degli Alpini
    Sesto, Regione dolomitica 3 Cime

    "La strada degli Alpini è un sentiero ben preservato risalente alla Prima Guerra Mondiale e illustra com’erano strutturate le strade militari in passato. Il tratto tra la Cima Undici e il Passo della Sentinella rimane parecchio ghiacciato anche in estate, pertanto sono necessari ramponi, piccozza e corda.
    Punto di partenza: Rifugio Zsigmondy Comici
    Cartina/guida: Tabacco n. 010"

    È fattibile solo se le attuali condizioni meteorologiche lo permettono; ATTENZIONE: I dati GPX potrebbero differire dalla realtà. Per informazioni può contattare la Scuola di Alpinismo Sesto Tre Cime di Lavaredo. +39 0474 712156

    prima della partenza: controllo dell'attrezzatura, delle condizioni meteo e della raggiungibilità

    Difficoltà: difficile
    600 altitudine
    7h:00 min durata
    Vie Ferrate
    Via Ferrata: Sentiero Bonacossa
    Sesto, Regione dolomitica 3 Cime
    Questa facile ferrata, che presenta molto terreno escursionistico tra i tratti assicurati (passo sicuro d'obbligo!), è una delle più belle delle Dolomiti. Lungo il percorso da sud a nord attraverso il gruppo dei Cadini ci sono diverse brevi contro-salite da superare.
    Difficoltà: facile
    676 altitudine
    3h:00 min durata
    Alpinismo
    Cima Klopair
    Curon Venosta, Val Venosta

    La cima Klopair si erge al di sopra del possente Lago di Resia ed è una montagna grandiosa e ben curata nell'area vacanze Passo Resia. La salita non è una "passeggiata", in particolare gli ultimi metri devono essere completati su terreno ripido e roccioso. L'escursione inizia a Curon con la salita sul Grauner Berg (sentiero n° 5) sul pendio meridionale soleggiato ed attraverso la barriera antivalanghe fino alla Malga Rossböden. Da lì si entra sempre più ripidamente in serpentine fino all'ultima parte prima della cima, dove il terreno diventa sempre più roccioso. Sono necessarie cautela e sicurezza sulla cresta sommitale. Arrivati alla cima vi attende la meritata ricompensa: uno spettacolo di vette grandiose con una vista fantastica su entrambi i laghi fino alle vette più lontane in tutte le direzioni. La discesa segue lo stesso percorso come la salita.

    Difficoltà: difficile
    1429 altitudine
    7h:15 min durata
    Escursioni
    Via Crucis S. Andrea - Cornale
    Bressanone, Bressanone e dintorni

    Sulla strada per S. Leonardo, dopo il nucleo abitato a sinistra (cartelli), su sentiero boschivo in direzione nord fino a Cornale, quindi salita su sentiero 6 fino a Burgstall. Ritorno nel bosco in direzione sud (segnavia 12) passando per la zona sportiva fino al punto di partenza.

    Difficoltà: facile
    0 altitudine
    1h:21 min durata
    Escursioni
    Cortaccia– Lochweg - Graun – Alter Grauner Weg - Cortaccia
    Cortaccia sulla Strada del Vino, Strada del Vino

    Partendo dalla P.za Schweiggl seguiamo la Obergasse in salita e giriamo a destra dopo circa 100 m al „Platzl“ (piazzetta). Al prossimo incrocio (BIVIO) - alla fontana - giriamo dentro nel vicolo ..., il quale però lasciamo già dopo soli 50 m circa, per prendere il sentiero che porta nel bosco (contrassegnato 5A). Quest’ultimo imbocca nel „Lochweg“ - contrassegnato 5 - che ci porta fino a Corona (823 m s.l.m.).
    Al ritorno invece prendiamo la „vecchia“ strada di Corona, che parte a destra scendendo dall’albergo Gasthof Goldener Adler ancora prima di arrivare alla chiesetta di S. Giorgio e che raggiunge in località „Kehr“ la „nuova“ strada per Corona.
    variante: Scendiamo fino alla chiesetta di S. Giorgio e da lì raggiungiamo il „Sitzkofel“ con la sua magnifica vista sulla Bassa Atesina. Seguendo una strada forestale arriviamo alla „vecchia“ strada per Corona.

    Difficoltà: intermedio
    0 altitudine
    2h:55 min durata
    Vie Ferrate
    Via ferrata Croda di Cengles
    Stelvio, Val Venosta

    La ferrata Croda di Cenglesè particolarmente spettacolare per le vedute che offre, ma molto impegnativa ed esposta. La ferrata è raggiungibile sia attraverso la via ferrata che attraverso il percorso normale.

    Difficoltà: difficile
    650 altitudine
    4h:00 min durata
    Vie Ferrate
    Ferrata Trafoi
    Stelvio, Val Venosta

    La nuovissima Ferrata Trafoi è una via di arrampicata con diverse varianti, adatta a ragazzi e principianti. Chi è alla ricerca di un brivido speciale può prima provare l’emozione di un volo con la teleferica Flying Fox.

    Difficoltà: intermedio
    121 altitudine
    0h:25 min durata
    Escursioni
    Piccolo giro escursionistico Speikboden
    Campo Tures, Valle Aurina

    Speikboden non è solamente un amato centro sciistico, ma anche un’ideale area escursionistica. La montagna ha preso il nome da un piccolo fiore d’alta montagna, chiamato "Speik" – e questo probabilmente proprio perché questo bel fiore si incontra molto spesso all’interno di questa area escursionistica.

    Con gli impianti di risalita è possibile raggiungere facilmente la malga Speikboden a 2000 m o il Sonnklar a 2400 m d’altitudine, entrambi punti di partenza straordinari per numerose passeggiate su sentieri sempre ben curati. Particolarmente popolari sono le escursioni all'alba per contemplare i primi raggi di sole, quando in fondo alla valle tutto è ancora addormentato. Un'esperienza che, possiamo garantirlo, Vi ricorderete a lungo.

    Difficoltà: intermedio
    607 altitudine
    3h:00 min durata
    Percorsi cittadini e in paese
    Guida storica culturale della capella
    Strada del Vino

    Visita guidata del duomo e del campanile di San Paolo | Appiano
    Ore 10.00, punto d'incontro davanti alla chiesa
    Durata ca. 1,5 ore
    Contributo spese € 5 a persona

    Difficoltà: facile
    0 altitudine
    1h:30 min durata
    Escursioni
    Colle: Passeggiata tra i boschi con sorpresa panoramica
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Dal parco giochi seguire il sentiero E5 in direzione Colle dei Signori da dove si puó ammirare un meraviglioso panorama a 180° che spazia dalla Mendola a San Genesio, la Forcella Sarentina e il Corno del Renon. La chiesetta dedicata a Santa Maria Assunta fu edificata nel 1744. Superare le abitazioni e passeggiare seguendo la strada forestale fino al bivio con il sentiero nr. 6. Svoltare a destra e addentrarsi nei verdi boschi fino ad incrociare il sentiero nr. 5 in direzione Titschenwarte, il punto panoramico sulle Dolomiti che si raggiunge in circa 20 minuti. Dopo una breve pausa per ammirare lo Sciliar, il gruppo del Catinaccio, il Latemar e la Pala di Santa lasciare la casetta e seguire il sentiero 5A in direzione Schneiderwiesen dove è possibile gustare il pranzo o una merenda. Si ritorna alla funivia seguendo il sentiero nr. 1.

    Difficoltà: facile
    451 altitudine
    2h:37 min durata
    Escursioni
    Dosso piccolo – Laghetto Dosso – Schöllberg Alm [malga] – discesa verso Lutago (oppure Busegge Alm [malga], Rio Bianco)
    Campo Tures, Valle Aurina

    Speikboden non è solamente un amato centro sciistico, ma anche un’ideale area escursionistica. La montagna ha preso il nome da un piccolo fiore d’alta montagna, chiamato "Speik" – e questo probabilmente proprio perché questo bel fiore si incontra molto spesso all’interno di questa area escursionistica.

    Con gli impianti di risalita è possibile raggiungere facilmente la malga Speikboden a 2000 m o il Sonnklar a 2400 m d’altitudine, entrambi punti di partenza straordinari per numerose passeggiate su sentieri sempre ben curati. Particolarmente popolari sono le escursioni all'alba per contemplare i primi raggi di sole, quando in fondo alla valle tutto è ancora addormentato. Un'esperienza che, possiamo garantirlo, Vi ricorderete a lungo.

    Difficoltà: intermedio
    294 altitudine
    3h:00 min durata
    Circuiti sciistici
    Itinerario "Kuhleiten" a Merano 2000
    Avelengo, Merano e dintorni

    Gli scialpinisti a Merano 2000 possono salire lungo l'itinerario "Kuhleiten" che conduce al Rifugio Kuhleiten a 2.362 metri.
    Aperto ogni giorno dalle 9.00 alle 17.00 e ogni giovedì e venerdì sera dalle 17.30 alle 23.00.

    Difficoltà: difficile
    744 altitudine
    2h:45 min durata
    Escursioni
    Monte Sole di Corzes
    Val Venosta

    Questa escursione offre caratteristiche culturali e punti di vista pittoreschi al Monte Sole venostano.

    Difficoltà: intermedio
    357 altitudine
    1h:19 min durata
    Escursioni
    Sentiero del Castagno / Tappa 5
    Terlano, Bolzano e dintorni
    Questo tratto del Sentiero del Castagno porta dal Castel Roncolo nella città di Bolzano attraverso i vigneti soleggiati, passando per le bellissime aziende tenute, lungo i pendii fino agli imponenti castagni di Cologna/Glaning e oltre la bassa montagna sopra la Val d'Adige fino a Terlano e Vilpiano.

    Lunghezza del tracciato: 27,5 km
    Salita: 1.446 m
    Discesa: 1.511 m
    Percorrenza media: 9:40 h
    Difficoltà: difficile
    1446 altitudine
    9h:40 min durata
    Escursioni
    Certosa – malga di Pinalto
    Senales, Merano e dintorni

    Da sempre l’alta valle di Pinalto costituisce un importante punto di passaggio tra Laces e Castelbello in Val Venosta. In questa zona sono noti insediamenti sin dall’età del rame, come testimonia il menhir di Laces. In base ai più recenti ritrovamenti archeologici nelle zone intorno alla malga di Pinalto e all’alpeggio, si desume che quest’area sia stata utilizzata come riserva di caccia fin dal mesolitico, e che sull’altopiano si sia sviluppato un insediamento stagionale a partire dall’età del bronzo. Ulteriori studi saranno in grado di stabilire se le costruzioni rinvenute fossero legate alla lavorazione del latte, e quindi alla produzione di formaggio.

    Difficoltà: intermedio
    1037 altitudine
    3h:51 min durata
    Escursioni
    Giro per il Lago di Caldaro
    Caldaro sulla Strada del Vino, Strada del Vino
    Questa escursione è adatta per famiglie e è accessibile tutto l'anno. Il lago di Caldaro, il lago balneabile più caldo delle Alpi, è un must per ogni amico altoatesino!
    Difficoltà: intermedio
    32 altitudine
    1h:55 min durata
    Alpinismo
    Monte Pausa
    Terento, Bressanone e dintorni
    Dal parcheggio in Val Vena si cammina verso l’interno della valle per una strada larga in leggera salita sul n. 23 fino alla Malga Astnerberg. Dalla Malga il sentiero diventa piú ripido. Si passa la Malga Huber e, giunti all’altezza della cascata, inizia un tratto comodo del sentiero che, più in alto, riprende a salire fino al Rifugio Lago di Pausa ed al lago. Per il Monte Pausa (2704m): Si segue il segnavia 25 ed è idoneo solo per camminatori allenati. Discesa: per la via di salita.
    Difficoltà: difficile
    1306 altitudine
    5h:50 min durata
    Vie Ferrate
    Via Ferrata: Punta Anna - Giuseppe Olivieri
    Badia, Regione dolomitica 3 Cime
    La ferrata Giuseppe Olivieri sulla Punta Anna sale ripidamente sul margine meridionale della Tofana, al centro delle Dolomiti intorno a Cortina.
    Difficoltà: difficile
    770 altitudine
    4h:00 min durata
    arrampicata tour
    Tour di arrampicata: Cima Grande – Spigolo Dibona V-
    Sesto, Regione dolomitica 3 Cime

    Lo Spigolo Dibone è una dei tour classici dell‘arrampicata alpina nelle Dolomiti.

    Le Tre Cime di Lavaredo sono il simbolo dell’Alta Pusteria: sono tra le montagne più famose delle Dolomiti e fanno parte delle destinazioni più note di arrampicata del mondo.

    Difficoltà: difficile
    0 altitudine
    4h:00 min durata
    Escursioni
    Passeggiata culturale Lasa
    Lasa, Val Venosta

    Dalla stazione ferroviaria a Lasa il tour porta verso il centro del paese oltre il marmoreo imperatore Francesco Giuseppe I d’Austria (Piazza Raiffeisen) per la chiesa parrocchiale con cimitero e la chiesa S. Marco, il mondo del marmo nel tricorno della Lasa Marmo (visita con la guida del marmo di Lasa).

    Sulla pista ciclabile aspetta l'arte: Pillars of Freedom - i "Pilastri della libertà" create da artisti internazionali (alla festa culturale di Marmor & Marillen 2017). L'occhio segue la ferrovia marmifera al Monte Tramontana e fino al “Bremsberg” in cui con un po di fortuna, il trenino trasporta un blocco di marmo di diverse tonnellate nella valle. In piazza Bagni, la fontana in marmo rinfresca con vista sul fiume Adige fino a “Pfeiler e Koundl”. Il marciapiedi di marmo conduce al sentiero croce, che attraversa i frutteti fino al santuario di Maria Lourdes.

    Indietro nel villaggio, il percorso passa davanti l’istituto professionale per la lavorazione della pietra „Johannes Steinhäuser“ e numerose opere d'arte, al colle della Chiesa di S. Sisinio - 360° panorama: Monte Sole, gruppo Sesvenna, Parco Nazionale dello Stelvio, Val di Lasa con la croda Jenna, frutteti e orti.

    Varianti per continuare a camminare:
    - Sentiero del marmo di Lasa - sentiero del piano inclinato
    - Monumento naturale sorgente sulfurea
    - Cengles ed Oris

    Difficoltà: facile
    62 altitudine
    1h:45 min durata
    Escursioni
    Colle: Monte Pozza 1616m, il punto piú alto del Comune di Bolzano e le rovine “FLAK”
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Dall’Albergo Klaus seguire la segnaletica nr. 5 in direzione Titschenwarte per raggiungere il laghetto con accanto il vecchio mulino. Continuare sulla strada forestale finché sulla sinistra non si incontra una scaletta di pietra con corrimano in legno. Salire lungo il sentiero che si inoltra in un fitto bosco per poi avventurarsi sempre piú in salita tra radici e rocce lungo il ripido sentiero. Passare l’Acqua Santiera Sass e raggiungere il punto panoramico Titschenwarte che si apre sullo Sciliar, il gruppo del Catinaccio, il Latemar e la Pala di Santa. Lasciarsi la casetta alle spalle e seguire per un breve tratto il sentiero nr. 5A, dopo pochi minuti di cammino svoltare a sinistra seguendo il nr. 5B in direzione Monte Pozza (Titschen). Il punto piú alto di 1616m di altitudine è riconoscibile grazie al capitello di pietre del 1994. Poco piú avanti è possibile ammirare alcune rovine: si tratta della postazione FLAK collocata dall’esercito del Terzo Reich durante l’occupazione nazista (1943 – 1945) per contrastare le incursioni aeree alleate che tentarono di bombardare le maggiori linee di comunicazione e le industrie belliche della cosiddetta Operationszone Alpenvorland. Seguire la strada cementata e poi seguire il sentiero nr. 1 in direzione Schneiderwiesen e dopo in direzione Colle fino alla funivia.

    Difficoltà: intermedio
    507 altitudine
    2h:34 min durata
    Escursioni
    Colle: A strapiombo sul Sasso Rosso
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Dal parco giochi seguire il sentiero E5 in direzione Colle dei Signori da dove si puó ammirare un meraviglioso panorama a 180° che spazia dalla Mendola a San Genesio, la Forcella Sarentina e il Corno del Renon. La chiesetta dedicata a Santa Maria assunta fu edificata nel 1744. Superare le abitazioni e passeggiare seguendo la strada forestale lungo il sentiero E5 fino al biotopo Totes Moos. Girare a destra del biotopo e seguire il sentiero nr. 1A tenendo il laghetto sulla sinistra e la strada forestale sulla destra. Il piccolo sentiero sbuca sullo strapiombo del Sasso Rosso dove è possibile vedere la val d’Adige e i paesi di Appiano, Caldaro e Laives. Ritorno fino al biotopo sullo stesso sentiero e poi proseguire lungo il sentiero nr. 1 fino a Schneiderwiesen e poi fino alla funivia.

    Difficoltà: facile
    464 altitudine
    3h:07 min durata
    Escursioni
    Colle: Passeggiata con vista su Bolzano
    Bolzano, Bolzano e dintorni

    Dall’Albergo Klaus seguire la segnaletica nr. 3 prima su strada asfaltata e poco dopo su sentiero in direzione La Costa che porta ad un magnifico punto panoramico su Bolzano proprio sotto alle antenne Telecom. Possibilitá di fare una sosta con pranzo o merenda presso Köhlhof (sabato e domenica). Attraversare la strada e seguire il sentiero ciottolato 3A che sale fino a Schneiderwiesen dove è possibile fermarsi per una pausa. Da qui continuare lungo il sentiero 6 che si addentra nei fitti boschi finché non si raggiunge il sentiero E5. Prendere il sentiero E5 in direzione Colle dei Signori e ritornare alla funivia.

    Difficoltà: facile
    374 altitudine
    2h:37 min durata
    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499