Ascolta la natura

La blogger Valentina Macciotta nei boschi di Nova Ponente ha imparato ad ascoltare la natura e se stessa.

  • aprile 2016

  • Tempo di lettura: 3'

    Lettura: 3'

% extra alt % % extra alt % % extra alt %
Articolo Articolo Video Video Immagini Immagini
Articolo Articolo Video Video Immagini Immagini

Ascolta la natura

La blogger Valentina Macciotta nei boschi di Nova Ponente ha imparato ad ascoltare la natura e se stessa.

A circa mezz’ora d’auto dalla città di Bolzano, nell’affascinante paesaggio delle Dolomiti – Patrimonio Mondiale dell’UNESCO – c’è un piccolo borgo che si chiama Nova Ponente. Qui la terra sprigiona energia positiva ed è in grado di infondere calma e serenità a chiunque vi transiti. Dico chiunque, perché anche io ho avuto il privilegio di poter godere degli effetti benefici di una camminata in questo splendido territorio, fra i boschi di conifere avvolti dalla nebbia e accarezzati da una fresca pioggia primaverile, che a tratti è diventata un vero e proprio acquazzone, regalandomi comunque belle sensazioni…

escursione udito pioggia

Il crepitio della pioggia, il rumore dei nostri passi sulla terra bagnata, il cinguettio di uccellini coraggiosi che sfidavano il maltempo, e ancora il vento tra gli alberi, sono solo alcuni dei suoni che mi circondavano e sui quali mi sono concentrata, per rilassarmi e lasciarmi alle spalle tutta la frenesia della città.

escursione udito

E ascoltando la natura, “ho ascoltato me stessa”, proprio come mi ha svelato Ursula Thaler, guida escursionistica – esperta in tecniche di rilassamento e formazione – che mi ha accompagnato lungo questo percorso di benessere. Certo è stato un peccato non aver potuto vedere i massicci del Latemar e del Catinaccio perché ricoperti di nuvole cariche di pioggia, e nemmeno aver potuto godere appieno dei colori della primavera, ma la natura è scostante e forse è proprio la sua volubilità che la rende sorprendente.

Di solito Ursula accompagna gruppi dalle dieci alle sedici persone con incontro all’ufficio turistico di Nova Ponente e trasferimento con un bus navetta fino ad Obereggen. Da lì poi si prosegue a piedi verso la Malga Lahner. Andata e ritorno sono circa 8 chilometri per 3 ore di camminata.  Si tratta di un’escursione facile anche se lunga, con un dislivello di circa 453 metri. In genere poi, l’escursione proposta coinvolge tutti i sensi, ma nel mio caso, oltre ad aver modificato il percorso causa maltempo, ci siamo concentrati unicamente su un senso, ovvero l’udito, particolarmente stimolato proprio dalla pioggia e dal vento che spirava forte.

ursula thaler

Dopo la camminata poi, Ursula mi ha consigliato di visitare un altro luogo in cui poter ascoltare il silenzio e ritrovare l’equilibrio e tutta l’energia di cui il nostro corpo è avido per poter stare bene. In circa venti minuti di auto, si arriva così al Santuario di Pietralba, uno dei principali non solo dell’Alto Adige, ma di tutto il Tirolo, e che ebbe origine nel 1553, quando la vergine Maria apparve a Leonardo Weißensteiner per guarirlo dalla sua malattia, chiedendogli in cambio di costruire una cappella dove i fedeli potessero pregare.

rumore pioggia

Dopo la camminata poi, Ursula mi ha consigliato di visitare un altro luogo in cui poter ascoltare il silenzio e ritrovare l’equilibrio e tutta l’energia di cui il nostro corpo è avido per poter stare bene. In circa venti minuti di auto, si arriva così al Santuario di Pietralba, uno dei principali non solo dell’Alto Adige, ma di tutto il Tirolo, e che ebbe origine nel 1553, quando la vergine Maria apparve a Leonardo Weißensteiner per guarirlo dalla sua malattia, chiedendogli in cambio di costruire una cappella dove i fedeli potessero pregare.

pietralba

Altro prezioso consiglio di Ursula, che ho ascoltato con vero piacere, è stato quello di pranzare al ristorante Adler di Nova Ponente: un posticino niente male che propone piatti della tradizione altoatesina, preparati con ingredienti offerti dalla natura, come erbe spontanee e verdure di stagione.

E qui ho attivato un altro senso, il gusto, ma questa è tutta un’altra storia da vivere, e ve ne parlerò la prossima volta.

Testo: Valentina Macciotta
Foto e video: Valentina Macciotta e Domenico Cosenza

valentina macciotta

L'autrice

Valentina è orgogliosamente sarda, ma vive e lavora a Milano come freelance esperta di comunicazione online. Le sue passioni per i viaggi, la fotografia e l'enogastronomia sono tutte racchiuse nel suo blog www.enogastronovie.it e sui suoi profili social dove è conosciuta come @macciottina.