#1 In cucina con Stefano Cavada

Ha inseguito il suo sogno. Ne ha fatto una professione grazie a YouTube. Stefano e i piatti della tradizione altoatesina.

  • ottobre 2016

  • Tempo di lettura: 3'

    Lettura: 3'

% extra alt % % extra alt % % extra alt %
Play Video
Articolo Articolo Video Video Immagini Immagini
Articolo Articolo Video Video Immagini Immagini

#1 In cucina con Stefano Cavada

Ha inseguito il suo sogno. Ne ha fatto una professione grazie a YouTube. Stefano e i piatti della tradizione altoatesina.

È iniziato tutto da qui, dalla piccola cucina di famiglia. È trascorso poco più di un anno da quando Stefano Cavada ha messo in piedi la prima video ricetta. Ore di lavoro, di riprese con la reflex fissata su un cavalletto, passaggi della stessa ricetta ripetuti più volte per riprendere le fasi di preparazione da diverse angolazioni… Per poi scoprire che il tavolo era troppo basso ed era inquadrato dalla cintura in giù! Eh si, perché all'ora faceva tutto da solo! Oggi è tutta un’altra cosa. Ma nonostante le 700mila visualizzazioni al suo canale YouTube “Stefano Cavada, mi trovo di fronte un giovane ragazzo timido e riservato. 

ivo corrac 16a 3180web

Mi fa accomodare nella piccola cucina, un set a cui è molto affezionato. Quasi senza rendersene conto, allinea i barattoli nelle spezie vicino al piano cottura. “Per le riprese di una video ricetta deve essere tutto in ordine”. I nonni materni e paterni di Stefano ci guardano dalle fotografie in bianco e nero appese alla parete. Strano vederle in cucina, penso.   

La minestra di crauti

Avevi mai cucinato la minestra di crauti altoatesina?
Stefano Cavada. Non in questo modo. 

Dal video sembra ti sia piaciuta. Dimmi la verità, te ne sei mangiato un piattone, una volta spenta la telecamera?
Hai già scoperto i miei gusti! La minestra era eccezionale, ma non sono stati tanto gli ingredienti a farmi sognare. 

Ah no? C’è dell’altro dietro una minestra?
Eh si. Hai mai sentito parlare di comfort food?

Non mi è del tutto nuovo come termine…
È il cibo che ti coccola. Che ti riempie la pancia, ti scalda. Ma che ti fa stare bene da tutti i punti di vista.

E quali sarebbero tutti questi punti di vista?
Intendo dire che dopo un piatto così, sei sazio e felice. Magari perché quel piatto ha risvegliato nella tua memoria il ricordo di persone o periodi particolari della tua vita. Ancora oggi, se sento odore di bruciacchiato, io ripenso ai peperoni bruciati che preparava mia nonna. E se cucino il cavolfiore, il cuore mi si riempie di gioia al pensiero della pentolina di pasta ai cavolfiori avvolta nel canovaccio che ci dava da portare a casa per cena…

Leggo nei tuoi occhi un grande affetto per la famiglia. 
Devo la mia passione per la cucina anche ai miei nonni e ai miei genitori. 

Quindi la cucina è un luogo ricco di memoria per te?
Assolutamente si. È il luogo della famiglia, dei ricordi. È lo spazio in cui sono cresciuto con le persone a cui tengo. I ricordi rivivono costantemente nei profumi della cucina.  

La ricetta di Greti

Ingredienti per 4 persone
½ cipolla tritata - olio EVO - 1 spicchio d'aglio - 300g di crauti - 2 cucchiai di concentrato di pomodoro - 1 foglia di alloro - ½ cucchiaino di cumino - 1 cucchiaio di paprica - brodo vegetale - 2 patate medie a cubetti - 2 manciate di fagioli borlotti - 200 g di carne di maiale affumicata a dadini - 1 cucchiaio di paprica - 1 cucchiaio di panna acida

Rosolare la cipolla nell'olio, aggiungere lo spicchio d’aglio e i crauti. Unire concentrato di pomodoro, alloro, cumino, paprica e brodo. Portare a bollore e aggiungere patate, fagioli e carne affumicata. Far cuocere la zuppa per 30 minuti. Raffinare con paprica e panna acida.

Che ne pensi del mix culturale in cucina?
Amo la cucina tradizionale altoatesina. Ma non disdegno le altre culture. Anzi, sono una ricchezza, anche in cucina. Il periodo trascorso a Londra mi ha aiutato molto ad aprirmi verso il diverso e ha ampliato la mia curiosità verso nuove mode e tendenze. È lì che ho ad esempio imparato ad apprezzare le spezie.

Cucini sempre da solo? O accetti aiuto?
Mmh… se qualcuno mi vuole aiutare, ne sono felice, ma detto le regole! Due “teste” ai fornelli non funzionano! 

Disordinato o ordinato in cucina?
Assolutamente ordinato! Non riesco a resistere nemmeno quando ci sono altri ai fornelli. Io passo e comincio a riordinare, a lavare le stoviglie sporche… 

Intervista: Valentina Casale
Foto: Ivo Corrà
Video: Veronika Kaserer

... la storia continua...

Continua a seguire il viaggio di Stefano alla scoperta di alcuni piatti della cucina tradizionale altoatesina. Guardalo alle prese con gli Schlutzkrapfen ripieni di spinaci.

ivo corrac 16a 3399web

Chi è Stefano Cavada

Professione vlogger. Crea e condivide video sul suo canale YouTube "Stefano Cavada".

Cucina, Alto Adige e Benessere sono i temi che lo rappresentano.